DAZN: «Con la pirateria, 700mila euro al giorno alla criminalità. Servono sanzioni»

«Bisogna utilizzare gli indirizzi IP di chi vende e compra pirateria. Bisogna procedere con le sanzioni», ha detto Romano Righetti, General Counsel di DAZN Italia.

Serie A su satellite
(Foto: Andrea Staccioli / Insidefoto)

DAZN conferma l’impegno al fianco di FAPAV e sostiene gli importanti sforzi della Federazione e dell’intero sistema per contrastare il fenomeno della pirateria. Romano Righetti, General Counsel di DAZN Italia, ha commentato la sintesi 2023 dell’Osservatorio FAPAV/Ipsos sulla pirateria, un fenomeno che impatta per circa 2 miliardi di euro sui ricavi e di conseguenza sull’economia italiana.

«La Pirateria è un fenomeno criminale e va sconfitta. Il consenso a livello istituzionale è esteso, e non è banale trovarlo, ma è importante essere tempestivi: ogni giorno che passa regaliamo alla criminalità oltre 700.000 euro. Chi offre e vende pirateria è un’organizzazione criminale sofisticata: anche se la piattaforma ha oscurato migliaia di siti illegali, i pirati potrebbero essere in grado di aggirare il sistema legale in tempi brevi», ha detto Righetti.

«Per rendere la piattaforma più efficace occorrerebbe la collaborazione da parte di alcune realtà che consentono a chi offre la pirateria di rendersi invisibili. Questi soggetti devono concorrere ad una corretta applicazione della legge dello Stato italiano, sia a livello amministrativo, AgCom su questo fronte è già impegnata, sia in tribunale. Bisogna utilizzare gli indirizzi IP di chi vende e compra pirateria. Bisogna procedere con le sanzioni», ha aggiunto.

«Inoltre, bisognerebbe estendere alla pirateria digitale strumenti investigativi e di repressione adottati per altri reati: l’utilizzo del “sotto copertura“ ed il sequestro per equivalente, anche preventivo. Serve che tutti si schierino contro la pirateria: Presidenti, Dirigenti, Tesserati, perché i tifosi seguono quello che fanno i loro idoli. Questo passaggio insieme alla collaborazione da parte degli intermediari, l’utilizzo dell’indirizzo IP, il rafforzamento delle operazioni fatte dalle Forze dell’Ordine, il sequestro per equivalente insieme alla moral suasion, permetterebbero un contrasto davvero efficace», ha concluso Righetti.

L’indagine FAPAV, condotta da Ipsos e presentata oggi a Roma in occasione degli Stati Generali della lotta alla Pirateria tra legalità, sicurezza e intelligenza artificiale, traccia un bilancio dei danni causati all’industria sportiva che, anche nel 2023, si conferma estremamente allarmante: 285milioni di euro (in crescita di 18 milioni rispetto al 2021) sottratti alle casse dello sport. Quasi 1 milione di euro al giorno che l’intero sistema non può reinvestire per far crescere il prodotto calcio e lo sport in generale, impiegandolo nella possibilità di portare in Italia campioni dal richiamo sempre più internazionale, nella modernizzazione degli impianti sportivi o nella creazione di nuovi contenuti.

Temi

DAZN