Lotito: «Lascerò la Lazio a mio figlio. Offerta da 600 milioni? Vale il doppio»

Intanto, la Curva Nord venerdì si darà appuntamento al Flaminio per protestare contro il progetto del patron bianconceleste, ritenuto poco ambizioso dai tifosi.

Lotito cessione Lazio
Claudio Lotito (Foto: Marco Rosi - SS Lazio/Getty Images)

La prossima stagione sarà un nuovo capitolo per la Lazio che vedrà alcuni cambiamenti importanti nel parco calciatori (Luis Alberto saluta, per esempio), un nuovo allenatore (Marco Baroni il prescelto per il post Igor Tudor), ma sempre con Claudio Lotito al timone del club.

E proprio il patron e presidente biancoceleste, a Il Messaggero, ha confermato che non ha alcuna intenzione di vendere la società capitolina. «Non la vendo, la lascerò a mio figlio, lo ribadisco. È arrivata un’offerta araba da 600 milioni? A parte che non c’è nulla di vero, per me questo club vale il doppio. Ci sono solo 250 milioni di patrimonio immobiliare e non ci penso proprio».

Patrimonio che Lotito vuole arricchire con lo stadio: «Per il progetto dello stadio stiamo ultimando le verifiche, non manca molto. Sulla protesta non c’è un comunicato firmato, non sono state chieste le autorizzazioni alla Questura. Attenzione a istigare all’odio». La protesta è quella della Curva Nord che si ritroveranno venerdì alle ore 18.30 proprio sotto la lo stesso settore dello Stadio Flaminio per manifestare il loro malumore per la stagione deludente e per un progetto tecnico che non vedono abbastanza ambizioso.

Ma il lavoro del club sul mercato non si ferma. «Se tutto andrà bene, centrerò tre colpi subito», ha dichiarato ieri lo stesso Lotito in quel di Formello a chi gli chiedeva notizie in merito. E gli occhi vanno a Verona, da dove viene Baroni, in particolare su Noslin e Cabal. Il budget stanziato per i due colpi non dovrebbe superare i 15 milioni di euro, scaligeri permettendo, ovviamente. Fondi che arriveranno dalla cessione di Luis Alberto all’Al-Duhail in Qatar per 12 milioni. Di questi, però il 20% spetta al Liverpool che farà valere la sua percentuale sulla rivendita del centrocampista spagnolo. Intanto Baroni ha siglato un biennale da 1,3 milioni di euro più bonus: 50mila euro di premio per la Coppa Italia e 150mila euro per il raggiungimento del piazzamento Champions.