Eventi, biglietti e tv: perché la Serie A non può spostare la finale di Coppa Italia

Ecco perché la Lega non ha potuto accogliere le richieste della Roma sullo slittamento dell’ultimo atto della competizione, in programma a Roma.

Coppa Italia
(Foto: FILIPPO MONTEFORTE/AFP via Getty Images)

Un’altra lettera alla Lega Serie A e un altro no ricevuto. La Roma è tornata a scrivere ieri alla Lega, chiedendo stavolta di spostare di un giorno – da domenica 12 a lunedì 13 maggio – la sfida in trasferta con l’Atalanta, in modo da avere più tempo per recuperare dalle fatiche in Europa League (la semifinale di ritorno è il 9 maggio a Leverkusen).

Un cambiamento che avrebbe comportato lo slittamento (suggerito dai giallorossi) della finale di Coppa Italia tra Atalanta e Juve, dal 15 al 16 maggio. Nella lettera il club motiva la sua richiesta con la centralità della partita nella corsa alla qualificazione in Champions League, sottolineando pure «l’esigenza di tutelare l’integrità del campionato». Esigenza che sta sicuramente a cuore alla Lega, che non ha potuto comunque accogliere la richiesta della Roma: la sfida con l’Atalanta si giocherà domenica 12 alle 20.45.

Sono quattro – spiega La Gazzetta dello Sport – i motivi per cui la Lega ha detto di no. Spostare la finale di Coppa Italia, anche di 24 ore, avrebbe un impatto importante sulla macchina organizzativa in moto da mesi, che prevede una serie di eventi a margine del match tra cui l’incontro con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Secondo motivo: i tifosi. Molti hanno già in tasca il biglietto (6.500 sono stati staccati ieri, primo giorno di vendita) e sono ancora di più quelli che hanno prenotato treni, pullman e alberghi per la trasferta. E ancora: Mediaset, che detiene i diritti per la finale, è contraria a trasmettere la partita il giovedì anziché il mercoledì. Ultimo motivo, il calendario dell’Atalanta.

Se dovesse superare in semifinale il Marsiglia, andrebbe a giocare la finale di Europa League il 22 maggio e per prepararsi al meglio chiederebbe l’anticipo a sabato 18 della sfida di Lecce. Ma con la Coppa Italia spostata al 16 anticipare sarebbe impossibile. Cosa che invece potrebbe fare proprio la Roma, sua potenziale avversaria a Dublino.