Juventus, tutti assolti nell’inchiesta sui mandati fittizi agli agenti

Secondo la Procura federale, i mandati avvenivano «in assenza di una reale attività di intermediazione dell’agente».

Juventus inchiesta agenti
(Foto: Jonathan Moscrop/Getty Images)

La Juventus ottiene una sentenza di assoluzione da parte della Commissione agenti della FIGC nell’ambito delle accuse sui “mandati fittizi” ai procuratori dei calciatori. Secondo quanto sosteneva la Procura federale, questi avvenivano «in assenza di una reale attività di intermediazione dell’agente».

In sostanza venivano dati dei soldi agli agenti in maniera poco limpida e trasparente, e non per quelli che avrebbero dovuto essere i loro compiti. Nella giornata di ieri, al termine delle indagini, è stato invece appurato che non c’era alcun mandato fittizio, nessun agente è stato condannato e di conseguenza non ci sono responsabilità attribuibili ai dirigenti della Juventus.

Questi ultimi però avevano già patteggiato nel processo sportivo perché questa inchiesta era inserita nel secondo troncone dell’inchiesta sulla “manovra stipendi”.