Nuovo Bernabeu e Mbappè, il Real Madrid punta a ricavi per un miliardo

Il club di Florentino Perez ha registrato nel 2022/23 il proprio record di fatturato con 831 milioni di euro, superando Manchester City, PSG, Barcellona, Manchester United e Bayern Monaco.

florentino perez
Florentino Perez (Foto: ALAIN JOCARD/AFP via Getty Images)

Il Real Madrid in campo si avvia alla vittoria della 36esima Liga della sua storia, con la speranza di aggiungere anche la 15esima Champions League, ma in società si prova a raggiungere anche un record assoluto: un fatturato da un miliardo di euro.

Nell’ultimo bilancio, quello relativo alla stagione 2022/23, il Real è stato il club con i ricavi più alti, 831 milioni di euro, battendo anche i campioni d’Europa, e ora del Mondo, del City fermi a 826 milioni. Ma la società di Florentino Perez non ha potuto sfruttare per tutta l’annata scorsa il nuovo Santiago Bernabeu, ora quasi terminato, ed è pronto a sfruttare al massimo la spinta dell’ingaggio di Kylian Mbappè.

Come riporta l’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport, nei progetti di Perez per il nuovo Bernabeu, costato 1,5 miliardi di euro, ci sono in previsione 317 milioni di euro provenienti dai soli eventi, quasi un centinaio, contro i 140 milioni messi a referto nel bilancio 2022/23. Si sta lavorando per questo obiettivo ed è ancora troppo presto per capire se si riuscirà a raggiungerlo. La partita di NFL che sarà ospitata per la prima volta in uno stadio spagnolo, infatti, è prevista nel 2025 quindi non dovrebbe comparire nel bilancio 2023/24.

Quando entrerà a pieno regime, il Bernabeu genererà un giro d’affari di almeno 400 milioni (le previsioni più ottimistiche parlano di 440 milioni) con oltre 200 eventi annuali extra. L’obiettivo è di sfruttare al 100% lo stadio ristrutturato nel 2024/25. Il club ha già trovato un accordo con Sixth Street e Legends per la gestione di una parte delle attività commerciali dello stadio, in cambio di un’iniezione iniziale di 360 milioni. Visti gli 831 milioni di ricavi avuti nel 2022/23, quindi, il miliardo dovrebbe essere già raggiunto e superato nella stagione 2024/25. La prima con Mbappé in squadra.

Real Madrid ricavi un miliardo – Il confronto con gli altri club, italiani compresi

A seguire ci sono Barcellona, alle prese con la ristrutturazione del Camp Nou, il City con il suo progetto di espansione dell’Etihad grazie a un piano di investimento da 300 milioni che prevede la costruzione di un hotel e di un altro edificio. I lavori dovrebbero essere completati entro fine 2026. Il PSG invece è alla prese con la querelle del Parco dei Principi, di proprietà del Comune che non è intenzionato a vendere e quindi costringe il club di Nasser Al Khelaifi a valutare la costruzione di un nuovo stadio, anche fuori dal territorio parigino.

L’ultimo esempio di club che punta sulle infrastrutture per incrementare i propri ricavi è il Manchester United, grazie all’ingresso in società di Sir Jim Ratcliffe, desideroso di ridare il leggendario blasone all‘Old Trafford con un investimento miliardario che coinvolge anche le aree circostanti all’impianto. Ma rispetto ai club citati in precedenza, i Red Devils sono quelli più vulnerabili per un andamento molto altalenante in campo che non permette la sicurezza di approdare regolarmente nelle squadre che giocano la Champions League.

Sul versante italiano, i nostri club pagano un ritardo molto importante che è difficile da colmare nei prossimi anni, viste le lungaggini per ottenere i vari permessi per la costruzione degli stadi, fattore sempre più determinante per innalzare i propri ricavi. La Juventus ha registrato i ricavi più alti in Italia con 507 milioni. A seguire Inter (425 milioni) e Milan (404 milioni). Dati che si riferiscono al 22/23 e che dimostrano il distacco importante che i club italiani devono affrontare rispetto alle società più importanti al Mondo.