La Juventus vola in Arabia Saudita: meeting sul calcio a Gedda

In occasione del “World Football Summit Asia”, evento che si terrà per due giorni a Gedda in Arabia Saudita, presenzieranno circa 1.500 personalità in rappresentanza di oltre 70 nazioni.

Juventus Borsa 22 gennaio
(Foto: MARCO BERTORELLO/AFP via Getty Images)

Nella giornata di oggi prender il via il Mondiale per club 2023, che vedrà scendere in campo i padroni di casa dell’Al Ittihad, formazione che vede protagonista Karim Benzema, e i campioni della Champions League dell’Oceania, i neozelandesi dell’Auckland City. Ma qualche ora prima a Gedda prenderà il via il “World Football Summit Asia” che vedrà la partecipazione di circa 1.500 ospiti in rappresentanza di oltre 70 nazioni.

Come riporta l’edizione odierna di Tuttosport, in questa due giorni si raduneranno le figure più influenti dell’industria calcistica globale, ribadendo ulteriormente l’impegno dell’Arabia Saudita nel coltivare una ricca cultura sportiva e la sua capacità di ospitare le più grandi manifestazioni internazionali. Tra queste sarà presente anche la Juventus, e non mancheranno gli ex del club bianconero come Nedved, Cannavaro ed Evra.

Parteciperanno al summit i dirigenti di 120 fra club, leghe, federcalcio, confederazioni e agenti tra cui si segnalano Miguel Angel Gil (massimo azionista dell’Atletico Madrid), Javier Tebas (appena rieletto per la quarta volta presidente della Liga spagnola), Casper Stylsvig (responsabile delle Entratedel Chelsea ed ex Milan), Claudio Chiellini (capo della Next Gen Area della Juventus), Federico Cherubini (Football Chief of Staff bianconero, inibito fino al prossimo 20 maggio e quindi presente in qualità di uditore), Guido Fienga, ex Roma, oggi amministratore delegato dell’Al Nassr di CR7, Alfonso De Stefano (direttore sviluppo Lega Calcio in Medio Oriente e Nord Africa), Michael Emenalo (CEO Roshn Saudi League), Ben Harburg (proprietario del Cadice), Richard Feuz (presidente del Servette), Jesus Arroyo (vice CEO Siviglia), Christoph Winterling (direttore commerciale e marketing del Bologna), Soheil Var (proprietario Al Qabila Dubai), Ali Barat (eletto il 4 dicembre a Torino “Best Agent 2023”in occasione del gala dei Golden Boy Awards), Mayur Bhanji (responsabile comunicazione del Raiola Global Management e molti altri ancora.

In un evento calcistico che si rispetti non possono mancare gli ex calciatori che hanno contribuito alla grandezza del calcio, portandolo a diventare lo sport più seguito del mondo. Si va da Fabio Cannavaro a Pavel Nedved, passando per Clarence Seedorf, Eric Abidal, Patrice Evra e lo spagnolo Michel, 15 anni nel Real Madrid, oggi allenatore dell’Al Qadisiyya co-capolista della Seconda Divisione saudita. Invitato anche Francesco Totti, ma la bandiera della Roma ha disdetto pochi giorni fa.

Non mancano personalità anche extracampo che prenderanno la parola dal palco del “World Football Summit Asia” come il premio Nobel per la Pace Muhammad Yunus, Adwa Al Arifi, viceministro degli affari sportivi dell’Arabia Saudita, Datuk Seri Windsor Paul John, segretario generale della Confederazione asiatica, Lamia Bahaian, vicepresidente della federcalcio saudita, e Ornella Desirée Bellia, avvocatessa catanese in rappresentanza della FIFA, dove occupa la carica di direttrice delle relazioni e dello sviluppo del calcio professionistico.

L’obiettivo di questo evento è quello di sviluppare e proporre nuove idee per lo sviluppo del calcio in tutto il mondo con la prospettiva degli organizzatori di organizzare il “World Football Summit Asia” ogni anno e farlo diventare sempre di più l’evento cardine per ogni novità futura del calcio globale e per il suo sviluppo.