Sarri: «Sono da tre anni a Roma e sono tre anni che la Lazio è in crisi»

Il tecnico della Lazio ha approfittato del post partita contro il Genoa per togliersi qualche sassolino dalla scarpa dopo le critiche piovute alla squadra nonostante le tre vittorie consecutive.

sarri
Maurizio Sarri (Foto: FILIPPO MONTEFORTE/AFP via Getty Images)

Il gol di Guendouzi nei primi minuti di Lazio-Genoa ha permesso ai biancocelesti di approdare ai quarti di finale di Coppa Italia dove ci potrebbe essere il derby contro la Roma. I giallorossi devono però superare a gennaio l’ostacolo Cremonese. Nel post partita dell’Olimpico, che ha consegnato la terza vittoria consecutiva, dopo quella contro il Celtic e il Cagliari, Maurizio Sarri ha colto l’occasione per togliersi qualche sassolino dalla scarpa, dopo settimane difficile per la squadra.

«I fischi dopo la vittoria col Cagliari in campionato? Ho rivisto quel match e la squadra ha fatto una buona partita, ma non l’abbiamo chiusa come stasera ha dichiarato il tecnico della Lazio a “Coppa Italia Live” su Canale 5 -. Poi la gente guarda la classifica e pensa che battere il Cagliari sia facile ma prima di sfidare noi il Cagliari nelle ultime sei aveva perso solo con la Juve».

«Tre anni che sono a Roma e sono tre anni che la Lazio è in crisi ha commentato Sarri -. Noi siamo in crisi e questa settimana abbiamo vinto tre partite, la squadra procede, questa sera abbiamo palleggiato a una velocità maggiore ma anche stasera dovevamo chiuderla. Che giocatore è Guendouzi? È un ragazzo di grande energia e di grande personalità. Si butta dentro la partita, adesso è in un buon momento fisico e riesce ad abbinare qualità e quantità. Già in Premier mi aveva impressionato per questa energia straripante».

Nelle ore precedenti la sfida di Coppa Italia è scoppiato il caso Vecino in casa Lazio. Il centrocampista uruguaiano è stato escluso dalla gara per motivi disciplinari: «Non c’è niente da chiarire, è una vicenda di spogliatoio, e neanche tra le più clamorose. Però la società, d’accordo con me, ha deciso per questa soluzione. Ne parleremo tra un po’ di giorni ma per il momento la situazione è questa».

Le ultime vittorie sono arrivate senza la coppia difensiva centrale composta da Casale e Romagnoli: «Sono stati bravi, stiamo facendo bene anche senza loro due. Sono molto contento dell’atteggiamento della linea difensiva e della squadra. Felipe Anderson un po’ in ombra? Costante non lo è mai stato, l’anno scorso ha avuto un periodo positivo abbastanza positivo. È croce e delizia e ora siamo nel periodo della croce, bisogna aspettare. Turbato dal contratto? È un ragazzo molto sensibile ma non penso rispetto a queste cose materiali. Non lo so ma conoscendolo direi di no».