RedBird cerca capitali per il Milan: Investcorp scende di nuovo in campo

Il fondo del Bahrein – già accostato alla società prima di RedBird – sarebbe pronto a mettere capitali nel veicolo di controllo del club rossonero.

Investcorp investimento Milan
(Foto: Foto Andrea Ninni/Image/Insidefoto)

La compagine azionaria del Milan sta vivendo una situazione di potenziale evoluzione. Il club rimane nelle mani della RedBird Capital di Gerry Cardinale, ma l’ex banchiere statunitense di Goldman Sachs è impegnato in questo ultimo mese a sondare con maggior decisione potenziali investitori, soprattutto nell’area del Golfo Persico, interessati ad iniettare capitali nel veicolo di controllo del club.

Secondo Il Sole 24 Ore, tra i potenziali investitori è spuntato nuovamente Investcorp, il fondo del Bahrein che in passato – prima dell’inserimento di RedBird – si era proposto come acquirente del Milan. In particolare, ci sarebbero stati colloqui (probabilmente a New York con l’intermediazione di alcuni manager americani) tra esponenti di RedBird e alcuni manager di Investcorp, che sul dossier sarebbe attiva tramite la propria branch con quartier generale a Abu Dhabi, Investcorp Capital.

L’obiettivo sarebbe quello di fornire capitali aggiuntivi da iniettare al vertice della catena di controllo del club a fianco di quelli già versati da altri sottoscrittori del fondo costituito da RedBird. Investcorp non sarebbe stato comunque l’unico soggetto finanziario a mostrare interesse, anche se il gruppo attivo tra Bahrein ed Abu Dhabi ha già da alcuni anni allargato il suo campo di attività allo sport.

Cardinale non ha fretta e non ha scadenze imminenti, visto che le linee di debito da 600 milioni di euro (con interessi al 7%) fornite da Elliott, su una acquisizione del Milan del complessivo valore di 1,2 miliardi, hanno ancora davanti a sé due anni prima del rimborso. Ma la ricerca di nuovi investitori sta continuando in modo più attivo del solito: l’obiettivo sarebbe quello di riuscire a rimborsare parte del debito prima della scadenza.