Supercoppa turca in Arabia: Galatasaray e Fenerbahce contro la Federcalcio

La TFF ha già siglato un accordo con il paese medio orientale, ma i due club vogliono che la gara si giochi dentro i confini nazionali.

galatasaray-v-fenerbahce-super-lig (1)
(Photo by Ahmad Mora/Getty Images)

L’Arabia Saudita sta diventando sempre più il luogo dei grandi tornei sportivi, con un occhio particolare per il calcio. Dopo essere vicinissimo all’organizzazione del Mondiale 2034, il paese saudita è ormai anni che ospita varie competizioni internazionali, ma anche nazionali. A inizio 2024, infatti, sarà teatro della prima Supercoppa Italiana con la formula delle Final Four, che vedrà protagoniste Napoli, Lazio, Inter e Fiorentina.

A fine anno, però, sarà l’ora della Supercoppa turca fra Galatasaray, campione turco in carica, e Fenerbahce, vincitore della coppa nazionale nella scorsa stagione. Ma come si registrano malumori in Italia sulla scelta della location, anche se l’ufficialità delle date per la competizione dovrebbe arrivare durante la prossima sosta delle nazionali, anche in Turchia non mancano le critiche su un possibile trasloco in Arabia. E sono le società a non voler andare in Arabia per giocare un trofeo nazionale.

L’Arabia Saudita ha presentato alla Federcalcio turca (TFF) un’offerta per ospitare la Supercoppa. Dopo una discussione con i club, la TFF ha accettato la proposta, riferendo la propria decisione di spostare la Supercoppa in Arabia. I dirigenti di Galatasaray e Fenerbahce hanno fatto sapere di non voler giocare nel paese del Medio Oriente.

La Federcalcio ha anche pubblicato una nota ufficiale sull’argomento: «La partita della Supercoppa 2023 tra il Galatasaray, campione della Superlega della stagione 2022-2023, e il Fenerbahce, campione della Ziraat Turkey Cup, a conoscenza dei nostri club, si svolgerà sabato 30 dicembre 2023 alle 20.00 a Riad, capitale dell’Arabia Saudita. Si giocherà allo stadio Al-Awwal Park (Università King Saud) di Istanbul».

Ed ecco le risposte dei dirigenti delle due squadre. Il primo è stato, Ungur Dindar, che ha dichiarato dopo l’assemblea del Galatsaray: «La Supercoppa TFF si gioca in un paese che è contro i principi e le rivoluzioni di Atatürk. C’è una mozione sull’argomento». La votazione ha espresso la volontà che la Supercoppa dovrebbe essere giocata a Samsun o allo Stadio Olimpico Atatürk.

La volontà di non giocare in Arabia Saudita è stata manifestata, all’unanimità, anche dal consiglio del Fenerbahce con la partita di Supercoppa che dovrebbe giocarsi allo stadio Ataturk, che nel giugno scorso ha ospitato la finale di Champions League fra Manchester City e Inter.

Metin Öztürk, vice presidente del Galatasaray, ha dichiarato: «La Supercoppa è la cosa più ambiziosa da giocare all’estero, ma come tifoso non voglio che quest’anno la Supercoppa venga giocata fuori dalla Turchia. Questo è l’opinione di 30 milioni di tifosi. Sono sicuro che questo sia anche il desiderio dei tifosi del Fenerbahce. Non è stato ancora deciso. La Federazione dovrebbe immediatamente rivedere la propria decisione. Giochiamo in qualsiasi stadio della nazionale. Giochiamo all’Ataturk. Lasciate che i tifosi di tutte e due le squadre possano raggiungere lo stadio facilmente».