L’UEFA punisce l’Ucraina per razzismo: multa e stadio parzialmente chiuso

I fatti risalgono alle due partite di qualificazione ai prossimi europei contro Inghilterra e Italia. Il prossimo impegno degli ucraini sarà proprio contro gli Azzurri di Luciano Spalletti.

Stadio Ucraina Italia chiuso
(Foto: Maja Hitij/Getty Images)

In occasione di Ucraina-Inghilterra e Italia-Ucraina, gare valide per le qualificazioni a EURO 2024, i tifosi ucraini si sono macchiati di condotte, quali comportamento razzista, blocco dei passaggi pubblici e accensione di fumogeni, che ora sono stati sanzionati dalla UEFA.

Analizzato il ricorso presentato dalla Federcalcio ucraina, che è stato parzialmente accolto, l’organo giudicante della UEFA ha deciso di multare la stessa federazione con 15.000 euro, chiudere parzialmente lo stadio in occasione della prossima partita casalinga in competizioni UEFA e vietare la vendita dei biglietti da parte della federcalcio ucraina in vista del prossimo impegno, anche questo ufficiale e sotto l’egida della UEFA, in trasferta, a punire così la condotta razzista dei propri tifosi.

Il prossimo impegno casalingo per l’Ucraina, che sarà l’ultimo delle qualificazioni per gli Europei in Germania, sarà proprio contro l’Italia a Leverkusen, sede neutra per via delle note vicende del conflitto russo-ucraino. In quell’occasione la federcalcio ucraina dovrà comunicare alla UEFA quali settori dello stadio saranno chiusi così da avere un minimo di 5.000 posti lasciati vuoti.