Inter, Zhang punta su Goldman Sachs per rifinanziare con Oaktree

Il numero uno del club nerazzurro avrebbe deciso di puntare sulla banca d’affari statunitense per rifinanziare il prestito con il fondo californiano.

Zhang negozia rifinanziamento
(Foto: Nicolò Campo / Insidefoto)

Il presidente dell’Inter Steven Zhang ha affidato alla banca d’affari statunitense Goldman Sachs l’operazione rifinanziamento. Lo riporta Tuttosport nella sua edizione odierna, spiegando che questo non significa che il numero uno del club nerazzurro abbia deciso di sconfessare Oaktree (con cui è stato concordato il maxip restito da 275 milioni in scadenza il 20 maggio 2024).

Tuttavia, la scelta del partner dovrà tenere conto anche del mercato, in poche parole chi proporrà tassi di interesse più convenienti. Di certo, visto l’andamento dei mercati, l’operazione sarà più onerosa rispetto a quella conclusa nel maggio2021 con il fondo californiano (interessi al 12%, con pagamento alla scadenza del contratto di finanziamento).

La volontà di Zhang è quella di restare in sella, rifinanziando il prestito – lo dirà anche all’assemblea dei soci –, anche se vanno registrati movimenti sempre più concreti intorno all’Inter. Oltre al consorzio di famiglie arabe (Raine Group sta raccogliendo le garanzie da presentare all’attuale proprietà) ci sarebbero interessamenti anche da parte di fondi americani.

L’assemblea degli azionisti dell’Inter è in programma il 26 ottobre e in quell’occasione sarà approvato il bilancio 2022/23, già avallato dal CdA il 26 settembre scorso, con un risultato di -85 milioni, in netto miglioramento rispetto ai -140 milioni dell’esercizio precedente. Steven Zhang negli ultimi mesi si è diviso tra Cina e Giappone e infatti, anche per l’assemblea, sarà collegato in videoconferenza.