Mediaset in corsa per i diritti tv: gli analisti “spingono” per la Serie A in chiaro

Gli analisti ritengono positiva la notizia di un’eventuale sfida in chiaro sulle reti dell’emittente televisiva.

Mediaset sorpasso Rai ascolti
(Foto: MIGUEL MEDINA/AFP via Getty Images)

Mediaset potrebbe presto mettere le mani sui diritti tv della Serie A, con riferimento al nuovo ciclo 2024-2029. Per l’emittente di Cologno Monzese si tratterebbe di un ritorno, dopo l’esperienza fallimentare di “Premium”, che fino al termine della stagione 2017/18 trasmise una parte delle sfide del massimo campionato di calcio in Italia (prima del binomio Sky-DAZN).

L’ipotesi di un ritorno del calcio sulle reti Mediaset è una buona notizia secondo gli analisti di Equita. Stando a indiscrezioni di stampa, «Lega Serie A preferirebbe trattare con i broadcaster Sky, DAZN e MFE per l’assegnazione dei diritti della Serie A del quinquennio 2024-29, anziché creare un proprio canale. L’obiettivo della Lega sarebbe quello di incassare oltre 900 milioni», sottolineano gli analisti.

«Tra giovedì e venerdì è attesa la presentazione di nuovi pacchetti ai tre broadcaster mentre lunedì è attesa una nuova assemblea per discutere l’assegnazione dei diritti. L’offerta presentata dai broadcaster prevederebbe 6 partite in esclusiva, 3 in co-esclusiva ed 1 in chiaro. DAZN avrebbe presentato un’offerta da 700 milioni (che si potrebbe spingere fino a 740 milioni) per la trasmissione di 9 partite (di cui 3 in co-esclusiva), Sky 110- 120 milioni per 3 partite in co-esclusiva e MFE 60 milioni per la partita trasmessa in chiaro», si legge ancora.

Secondo gli analisti concludono spiegando che «la trasmissione di una partita in chiaro della Serie A è una notizia positiva. Il calcio rimane un contenuto particolarmente pregiato per la Tv in chiaro grazie all’elevato audience che genera e quindi alla positiva domanda pubblicitaria tra gli advertisers».