Juve, l’AD di Exor Elkann: «L’impegno della famiglia c’è e ci sarà»

L’amministratore delegato della holding Exor ha parlato all’inaugurazione del nuovo spazio “il tempio dei trofei”, presente al J Museum.

Elkann violenze madre
John Elkann (Foto: DPPI/Panoramic/Insidefoto)

«La Juventus nasce nel 1897, il nome stesso vuole valorizzare la gioventù dagli inizi e abbiamo un senso di responsabilità come famiglia da 100 anni nell’essere partecipi all’evoluzione del Paese». Lo ha detto John Elkann, amministratore delegato di Exor, all’inaugurazione del nuovo spazio “il tempio dei trofei”, al J Museum.

«Questa evoluzione l’abbiamo vissuta e la potete vedere nella mostra, si basa su un impegno che c’è e ci sarà, facendo in modo che tramite uno sport questo sia di grande auspicio a poter condividere insieme gli aspetti positivi che il calcio e la Juventus danno», ha aggiunto ancora Elkann parlando anche degli sforzi della proprietà.

La Juventus è reduce da un’altra vittoria contro il Torino: «Sabato abbiamo vinto il derby ma c’è anche stato grande entusiasmo, con bandiere, tamburi e voglia di festeggiare ed essere presenti che non avveniva dal 2019 e oggi è un importante momento, prepariamoci per il futuro».

«Sono 83 trofei, di cui 82 con la mia famiglia: oggi è un momento importante per l’inaugurazione di questa stanza che ha un grande passato, presente e futuro. Il nostro mister ha contribuito a riempirla e contiamo su di lui perché continui», ha concluso Elkann parlando dell’allenatore Massimiliano Allegri.