Serie B e C, dalla FIGC le graduatorie per i ripescaggi: è caos sulle date

Il consiglio federale, tra gli argomenti all’ordine del giorno, recita «domande d’integrazione degli organici dei campionati di Serie B e Serie C 2023/24».

Dove vedere Serie B 2023 2024

Il bilancio del 2022, e soprattutto il tema ripescaggi. Il consiglio federale, anticipato alla giornata di oggi, tra gli argomenti all’ordine del giorno, oltre all’approvazione del consuntivo 2022, recita «domande d’integrazione degli organici dei campionati di Serie B e Serie C 2023/24». Tradotto: dopo le udienze al Collegio di Garanzia presso il Coni, con tanto di motivazioni pubblicate nella giornata di giovedì, la FIGC non definirà le riammissioni, ma solo la graduatoria di riammesse e ripescate.

Appuntamento dunque alle 11.30 in Via Allegri e anche in questo caso importanti saranno i pareri di Covisoc e commissione infrastrutture perché la documentazione va rivista in un’ottica di società che prima si erano iscritte alla Serie C o alla Serie D e che ora magari ambiscono alla B e o alla C. Ad oggi, ad esempio, le squadre certe di disputare la Serie B sono 18 con Reggina e Lecco escluse, anche se per motivi diversi. Sulla prima ha pesato il parere Covisoc, portando il consiglio federale, lo scorso 7 luglio, a deliberare l’esclusione della società calabrese, il cui ricorso al Collegio di Garanzia è stato poi respinto.

Era stato ammesso il Lecco, invece, salvo poi anche il club lombardo vedersi fuori dalla Serie B per via del ricorso presentato dal Perugia e accolto dal Collegio di Garanzia. Per questo, ora, Brescia e Perugia (in questo ordine) sperano di poter rientrare nella graduatoria delle riammesse alla B, in attesa che l’iter legale dei ricorsi delle escluse si concluda. Va detto, per esempio, che sul club umbro pesa la questione dell’impianto di illuminazione dello stadio Renato Curi.

Tornando all’iter giudiziario, ci sarà prima il TAR il 2 agosto e poi, se dovessero esserci ancora ricorsi pendenti, la federazione aspetterà il Consiglio di Stato già fissato per il 29 agosto. A quel punto – in un caos date che deve trovare ancora la sua definizione, con il rischio concreto di slittamenti – solamente il 30 agosto verrebbero definiti dal consiglio federale gli organici delle squadre che parteciperebbero ai campionati di Serie B e C.