Dal calcio al tennis, PIF si prepara a sbarcare nel circuito ATP

Gli investimenti nel mondo del calcio non bastano al fondo sovrano saudita, che ora ha messo nel mirino anche il tennis e il circuito maschile.

Milan ingresso PIF
Mohammed bin Salman, presidente del fondo sovrano PIF (Foto: Mohamed Farag/Getty Images)

Non solo calcio con gli investimenti tra il Newcastle e il campionato saudita, ora PIF mette nel mirino anche il circuito mondiale di tennis maschile, ovverosia l’ATP. Come riportato dal Financial Times, infatti, il presidente dell’ATP Tour, Andrea Gaudenzi, ha dichiarato di aver avuto colloqui “positivi” con il Fondo per gli investimenti pubblici e altri potenziali investitori per sostenere vari progetti e iniziative sportive, tra cui infrastrutture, investimenti tecnologici ed eventi in nuovi mercati.

Parlando poche settimane dopo che lo US PGA Tour ha posto fine alla sua resistenza e ha raggiunto un accordo per lavorare con PIF, Gaudenzi ha tuttavia avvertito che gli investitori esterni devono “attenersi al rispetto della storia dello sport e del prodotto, lavorando con l’attuale stakeholder piuttosto che contro. Devi preservare qualcosa che è quasi sacro, le regole del gioco”, ha detto Gaudenzi al Financial Times in un’intervista in occasione della sua rielezione a presidente dell’ATP Tour per altri tre anni. “Questo non è un videogioco, questo non è un film”.

Non è la prima volta che i fondi si avvicinano al tennis. Lo scorso anno CVC Capital Partners ha stretto una partnership con la Women’s Tennis Association, il circuito femminile, investendo 150 milioni di dollari per una quota del 20% in una nuova società commerciale tra i due gruppi.

Tuttavia, i colloqui dell’ATP Tour con CVC non sono stati convertiti in un accordo. L’ATP “non ha bisogno di contanti e deve stare attento alla diluizione”, ha detto Gaudenzi. Tuttavia, ha detto che ci sono opportunità di collaborare con investitori esterni, in una serie di aree, come la produzione di media, la raccolta di dati e la tecnologia. “Ci sono molti modi per diventare un investitore dell’ecosistema. Non si tratta solo di creare un nuovo tour o acquistare un torneo”, ha affermato.

Gaudenzi ha aggiunto che le società di investimento esterne possono aiutare lo sport ad accelerare l’innovazione e ad investire in nuove tecnologie, ma ha messo in guardia contro un approccio “completamente disgregato, interrotto. Hai bisogno di una storia”, ha detto, aggiungendo: “In definitiva, vuoi vedere i migliori giocatori giocare nei migliori eventi del mondo. Più frammenti e dividi, più crei confusione”.