Napoli, il sindaco a De Laurentiis: «Concessione per il Maradona? Serve investire»

Il presidente degli azzurri aveva manifestato la necessità che il Comune riconoscesse alla società una concessione di 99 anni per lo stadio di Fuorigrotta.

Napoli concessione Maradona
Lo stadio Maradona (Foto: Claudio Villa/Getty Images)

Il Napoli si prepara a festeggiare il suo terzo Scudetto dopo l’ultima partita di questa stagione che si giocherà al Maradona. E mentre il club azzurro pensa all’organizzazione, e Comune e Prefettura al piano sicurezza che coinvolge praticamente tutta la città, è tornato con una certa prepotenza alla ribalta il tema legato proprio allo stadio Maradona e alla sua gestione.

Il presidente azzurro Aurelio De Laurentiis è intervenuto qualche giorno fa alla trasmissione di Fabio Fazio, in onda sulla Rai, Che Tempo Che Fa, rimarcando la necessità che il Comune riconosca al Napoli una concessione di 99 anni, il tempo massimo riconosciuto dalla legge. La risposta del primo cittadino partenopeo, Gaetano Manfredi, non si è fatta attendere.

Come riporta l’edizione odierna del La Gazzetta dello Sport, il sindaco di Napoli ha dichiarato: «Il meccanismo concessorio si basa su un project financing quindi sulla presentazione di un progetto di ristrutturazione con un piano di investimento pluriennale che giustifichi la concessione. È un discorso che dobbiamo mettere in campo: vediamo qual è la proposta del Napoli e la valuteremo secondo le leggi, perché esistono delle norme che regolano queste tipologie di intervento. Sicuramente è una opportunità che valuteremo. Abbiamo anche le risorse degli Europei che potrebbero arrivare, quindi le due cose vanno in parallelo. Il Napoli ha pagato tutti i canoni vecchi, la situazione è stata sanata».