Netflix diritti tv sport
Il logo di Netflix (Image credit: Depositphotos)

La piattaforma di streaming Netflix ha pubblicato i risultati finanziari del terzo trimestre del 2022, che si è chiuso con ricavi per 7,93 miliardi di dollari circa (in crescita rispetto ai 7,48 miliardi di dollari del 2021). Il risultato operativo della piattaforma è stato pari invece a 1,53 miliardi di dollari, in calo rispetto ai circa 1,75 miliardi di dollari del 2021.

Netflix ha indicato inoltre le previsioni per il quarto trimestre del 2022, per il quale «ci aspettiamo un fatturato di 7,8 miliardi di dollari con un calo sequenziale interamente dovuto al continuo rafforzamento del dollaro USA rispetto ad altre valute. A valuta costante, ciò equivale a una crescita dei ricavi del 9% anno su anno», ha sottolineato la piattaforma.

Indicazioni importanti sul futuro del servizio arrivano inoltre dal paragrafo sull’evoluzione della gestione. «Come discusso nelle lettere precedenti, siamo sempre più concentrati sui ricavi come metrica principale della nostra linea», ha spiegato Netflix, aggiungendo poi delle novità previste per il prossimo anno.

«Questo diventerà particolarmente importante verso il 2023 man mano che svilupperemo nuovi flussi di ricavi come la pubblicità (un abbonamento con inserimento di spot pubblicitari, già annunciato a 5,49 euro al mese) e la condivisione a pagamento dell’account, dove l’abbonamento è solo una componente della nostra crescita dei ricavi», si legge ancora nel comunicato della società.

Condividere il proprio account non sarà più dunque una mossa libera, ma avrà l’obiettivo di portare a una monetizzazione (creazione di sub-account, tramite cui il proprietario dell’account può attivare uno o più account secondari per un amico o familiare gestendo direttamente il pagamento) e contestualmente di reprimere la condivisione delle password.

SKY TV E NETFLIX + SKY CINEMA A SOLI 19,90 EURO AL MESE PER 18 MESI. CLICCA QUI E SCOPRI L’OFFERTA SPECIAL WEEK.

PrecedenteKrause risponde a Berlusconi: «Io dico che Putin non è mio amico»
SuccessivoL’Inter svela la terza maglia 2022/23: domina il giallo