Calendario Formula 1 2023
Gara di Fornula Uno (Photo Federico Basile / Insidefoto)

Il Consiglio Mondiale della FIA ha approvato il calendario 2023 della Formula Uno, che vedrà ben 24 gare in programma. Si parte il 5 marzo in Bahrain, per chiudere il 26 novembre ad Abu Dhabi.

Non mancheranno le novità, tra cui spicca l’appuntamento a Las Vegas, previsto il 18 novembre, la terza gara negli Stati Uniti dopo Miami (7 maggio) e Austin (22 ottobre), come penultima gara della stagione prima del ‘solito’ finale a Yas Marina. Saranno 2 i Gran Premi che si terranno nel nostro Paese, il GP di Emilia Romagna il 21 maggio e il 3 settembre il Gran Premio d’Italia a Monza.

Torna in calendario (il contratto è decennale) il Gran Premio del Qatar che aveva fatto il suo debutto nel 2021 ma non si corre quest’anno per la concomitanza con il Mondiali di calcio.

Questo il calendario 2023 di Formula Uno completo con i 24 GP previsti:

  • 5 marzo: GP Bahrain (Sakhir)
  • 19 marzo: GP Arabia Saudita (Jeddah)
  • 2 aprile: GP Australia (Albert Park)
  • 16 aprile: GP Cina (Shanghai)
  • 30 aprile: GP Azerbaigian (Baku)
  • 7 maggio: GP Miami (Miami)
  • 21 maggio: GP Emilia Romagna (Imola)
  • 28 maggio: GP Monaco (Montecarlo)
  • 4 giugno: GP Spagna (Montmelò)
  • 18 giugno: GP Canada (Montreal)
  • 2 luglio: GP Austria (Spielberg)
  • 9 luglio: GP Gran Bretagna (Silverstone)
  • 23 luglio: GP Ungheria (Hungaroring)
  • 30 luglio: GP Belgio (Spa)
  • 27 agosto: GP Olanda (Zandvoort)
  • 3 settembre: GP Italia (Monza)
  • 17 settembre: GP Singapore (Marina Bay)
  • 24 settembre: GP Giappone (Suzuka)
  • 8 ottobre: GP Qatar (Losail)
  • 22 ottobre: GP USA (Austin)
  • 29 ottobre: GP Messico (Città del Messico)
  • 5 novembre: GP Brasile (Interlagos)
  • 18 novembre:  GP Las Vegas (Las Vegas)
  • 26 novembre: GP Abu Dhabi (Yas Marina)

 

PrecedenteUfficiale, la UEFA esclude la Russia da EURO 2024
SuccessivoCredit Suisse: i paperoni sono l’1% della popolazione ma sono più ricchi
Giornalista, laureata in Linguaggi dei media all'Università Cattolica di Milano. Esperienza soprattutto in siti internet e qualche incursione in TV e sulla carta stampata.