Gravina multiproprietà Italia
(Foto: Paolo Bruno/Getty Images)

Quel che la famiglia De Laurentiis legge come una vittoria politica – il rinvio del divieto di multiproprietà tra due società partecipanti a due campionati professionistici diversi – Gabriele Gravina interpreta solo come una “concessione” ai proprietari di Napoli e Bari: quattro anni di proroga ottenendo in cambio la rinuncia ai ricorsi e alle azioni legali che i De Laurentiis avevano avviato.

«Il presidente federale ha portato a conoscenza del Consiglio le interlocuzioni avute nelle ultime settimane con i presidenti di Bari e Napoli in merito al divieto di multiproprietà tra due società partecipanti a due campionati professionistici diversi (resta immutato l’impianto normativo dell’art.16 delle Noif per i club partecipanti allo stesso campionato con l’obbligo di immediata dismissione di una delle due società) con la richiesta di spostare in avanti l’entrata in vigore della norma transitoria, dal 2024/25 all’inizio del campionato 2028/29», si legge nella nota della Federcalcio al termine del Consiglio federale.

«A fronte di questa modifica, i presidenti di Bari e Napoli si sono impegnati a rinunciare a qualsiasi azione legale, ponendo fine a tutte le controversie in corso. Il Consiglio ha approvato all’unanimità», prosegue ancora il comunicato ufficiale dove viene annunciata la novità relativa alla disposizione transitoria.

Lo stesso Gravina incontrando i giornalisti ha chiarito: «È stata sancita la fine delle multiproprietà nel calcio italiano. Abbiamo ricevuto nelle ultime settimane la proposta di Napoli e Bari di abbandonare qualsiasi controversia legale in corso purché venga spostata in avanti dal 2024/25 all’inizio del campionato 2028/29 l’entrata in vigore della norma transitoria. Il Consiglio ha approvato all’unanimità».

SCOPRI IL CALCIO SU TIMVISION. LA SERIE A DI DAZN E LA CHAMPIONS DI INFINITY+ A 19,99 EURO AL MESE PER TUTTO IL 2022/23. ABBONATI ENTRO IL 30 LUGLIO. IL PRIMO MESE E’ GRATIS

PrecedenteLa Stampa fa esplodere il caso: ombre russe sulla sfiducia della Lega a Draghi. Salvini replica
SuccessivoLotito snobba Dybala: «Noi non collezioniamo figurine»