(Photo by Mike Hewitt/Getty Images)

La Football Assocition testerà la rimozione del colpo di testa in tutte le fasce di età inferiore ai 12 anni. A riportarlo è The Atletic, che sottolinea come, nel caso in cui il processo, a cui è stata concessa l’approvazione dall’International Football Association Board (IFAB), si rivelasse positivo, il colpo di testa potrebbe essere completamente rimosso da queste fasce d’età in tempo per la stagione 2023-24.

Il colpo di testa è stato collegato alla demenza, con uno studio che mostra che gli ex calciatori scozzesi professionisti nati tra il 1900 e il 1976 avevano tre volte e mezzo più probabilità di avere la malattia come causa di morte. Inoltre è stato anche collegato all’encefalopatia traumatica cronica (CTE), una condizione cerebrale innescata da ripetuti colpi alla testa.

Nel 2002, un medico legale ha scoperto che una testata ha causato la morte dell’ex attaccante del West Bromwich Albion Jeff Astle. A cinque giocatori dell’Inghilterra vincitrice della Coppa del Mondo nel 1966 è stata diagnosticata la demenza; quattro sono morti a causa della malattia.


All’inizio della stagione 2021-22, la FA ha introdotto una guida che limita i giocatori professionisti ad eseguire in una settimana di allenamenti un massimo di 10 colpi di testa ad alta forza, ovvero quelli che seguono un passaggio lungo di oltre 35 metri o da cross e calci piazzati.

Le sostituzioni per commozione cerebrale sono state introdotte in Premier League nel febbraio 2021, consentendo un cambio aggiuntivo per un giocatore con una sospetta lesione cerebrale senza che la squadra subisca uno svantaggio numerico.

La prima partita senza colpi di testa è stata provata a fine settembre dall’organizzazione benefica Head for Change, creata dalla famiglia dell’ex difensore del Middlesbrough Bill Gates, a cui è stata diagnosticata una probabile CTE nel 2017.

SCOPRI IL CALCIO SU TIMVISION. LA SERIE A DI DAZN E LA CHAMPIONS DI INFINITY+ A 19,99 EURO AL MESE PER TUTTO IL 2022/23. ABBONATI ENTRO IL 30 LUGLIO. IL PRIMO MESE E’ GRATIS

PrecedenteShakhtar contro FIFA: chiesti 50 milioni di risarcimento
SuccessivoUfficiale, Ibra rinnova col Milan: accordo fino al 2023