Perché Messi prende il 30
Lionel Messi al PSG (copyright: psg.fr)

Tra effetto Messi e solito impatto da parte del Qatar, il Paris Saint Germain va verso un fatturato record per la stagione 2021/22. Secondo quanto riportato da Marca, infatti, nella prima stagione dell’argentino nella capitale francese, il club supererà i 700 milioni di ricavi, anche se lo scorso mercato estivo impatterà pesantemente sui conti (tanto che il PSG va verso una perdita tra i 200 e i 300 milioni secondo l’Equipe).

L’arrivo di Messi ha portato dieci nuovi contratti di sponsorizzazione e, come ha commentato anche il direttore di quest’area del club, Marc Armstrong, oltre al potere di attrazione, gli accordi erano più alti che senza Leo: “Abbiamo sicuramente visto una crescita nei contratti: prima in certe aree avevamo accordi tra 3 e 5 milioni mentre ora sono tra 5 e 8, quindi l’impatto è notevole”.

La stima è che i ricavi da sponsor siano cresciuti del 13% e siano entrati marchi come Dior, Gorillas, Crypto.com, Autohero, GOAT, Smart Good Things, Infinity Sports Water, Geekvape, PlayBetR, Volt o Big Cola, superando i 300 milioni di ricavi commerciali per la prima volta nella sua storia in questa stagione. Poi c’è l’effetto merchandising, con l’arrivo di Messi che ha permesso al club di raggiungere il fatturato della stagione 20-21 in merchandising a metà stagione (41 milioni di euro). Per la prima volta sono state vendute più di un milione di magliette, il 60% delle quali con il numero 30 dell’argentino.

“La domanda è cresciuta tra il 30 e il 40% e ciò che può davvero fermarla è l’offerta – ha aggiunto Armstrong a Marca -. Quando avviene un trasferimento di questa portata, come Ronaldo ad esempio al Manchester United, potresti pensare che lo pagheranno vendendo magliette, ma non è così. Non puoi sovraprodurre un mucchio di magliette. L’accordo è impostato per garantire minimi molto importanti ma non possiamo soddisfare la richiesta di magliette di Messi. Abbiamo raggiunto il tetto. Nessuno può soddisfare questa richiesta. Stiamo già vendendo molte magliette, forse più di qualsiasi altra squadra al mondo per un giocatore, e questo ci pone al livello successivo. Abbiamo molta richiesta di prodotti lifestyle, le entrate dai prodotti con il marchio Jordan sono enormi, ma la domanda cresce ancora di più quando ingaggi un giocatore come Messi”, ha proseguito il dirigente.

L’arrivo di Messi ha inoltre significato anche un aumento significativo dei ricavi da biglietteria. Il club ha aumentato la sua lista d’attesa da quando l’arrivo di Messi e la rivendita legale, attraverso una piattaforma controllata dal club stesso sul suo sito web, è salita alle stelle.

TUTTA LA SERIE A TIM È SOLO SU DAZN: 7 PARTITE IN ESCLUSIVA E 3 IN CO-ESCLUSIVA A GIORNATA. 29.99 EURO/MESE. ATTIVA ORA. DISDICI QUANDO VUOI

PrecedenteBallottaggio a Sesto: in ballo anche la partita stadio
SuccessivoJuventus, svelate le prime immagini della maglia da trasferta 2022/23