come scaricare app immuni
(Foto CF - Calcioefinanza.it)

Combattere l’incitamento all’odio sui social media nei confronti dei calciatori, anche in vista dei prossimi Mondiali del Qatar: la Fifa ha pubblicato un rapporto indipendente – in concomitanza con la Giornata internazionale delle Nazioni Unite per contrastare l’incitamento all’odio – dal quale si evidenzia il crescente grado di abusi nei confronti di calciatori su piattaforme di social media durante i tornei internazionali e per questo, in collaborazione con FifPro, il sindacato internazionale dei calciatori, è stato sviluppato un programma condiviso per combattere l’incitamento all’odio sui social media. Le due associazioni vareranno strumenti di moderazione per proteggere meglio i partecipanti ai tornei e un supporto educativo che preveda anche una consulenza sulla salute mentale da fornire ai giocatori nei futuri tornei Fifa.

“Il nostro dovere è proteggere il calcio, e questo inizia con i giocatori che portano tanta gioia e felicità a tutti noi con le loro imprese sul campo – le parole del presidente della Fifa, Gianni Infantino – Purtroppo si sta sviluppando una tendenza in cui una percentuale di post sui canali social diretti a giocatori, allenatori, direttori di gara e alle squadre stesse non è accettabile: ogni forma di discriminazione non trova posto nel calcio”.

Il rapporto della Fifa, che ha utilizzato l’intelligenza artificiale per tracciare oltre 400.000 post sulle piattaforme dei social media durante le semifinali e le fasi finali di due competizioni internazionali (Euro 2020 e Coppa d’Africa 2021), ha rilevato che oltre il 50% dei giocatori hanno ricevuto una qualche forma di abuso discriminatorio, con gran parte di quell’abuso proveniente dalla nazione di origine dei giocatori.

I commenti omofobici (40%) e razzisti (38%) hanno fornito la maggior parte degli abusi, molti dei quali rimangono pubblicati negli account in cui erano stati originariamente diretti.
“Gli abusi online sono una questione sociale e come settore non possiamo accettare che questa nuova forma di abuso e discriminazione colpisca così tante persone, compresi i nostri giocatori – ha sottolineato il presidente Fifpro, David Aganzo -. Diversi sindacati di giocatori hanno svolto un ottimo lavoro su questo argomento che, collegato al nostro recente rapporto lanciato insieme ad altri sindacati di giocatori, ci fornisce molti spunti per affrontare la questione in futuro. La ricerca come questi rapporti è fondamentale, ma deve portare ad azioni per fornire prevenzione e rimedi. Siamo lieti che questa collaborazione con la Fifa sia un passo costruttivo in questa direzione”.

SCOPRI L’OFFERTA DI SKY SMART: SKY TV E SKY SPORT A 30,90 EURO AL MESE PER 18 MESI. IN REGALO UN E-SCOOTER V25 VIVO CLICCA QUI E COMPILA IL FORM SUL SITO DI SKY PER I DETTAGLI

PrecedenteRoma, fatturato a 10 mld per il gruppo Friedkin nel 2021
SuccessivoInter, da Sanchez a Vidal: il peso degli esuberi a bilancio