(Photo by JOSEP LAGO/AFP via Getty Images)

Il Barça pensa a una nuova taglio degli stipendi per la squadra blaugrana. Lo riporta Esport3, secondo le cui informazioni una riduzione dei salari sarebbe una delle quattro modalità con cui il club tenterà di rientrare dei 590 milioni di debiti dovuti alle perdite degli ultimi anni. Un’altra potrebbe essere la cessione dei pezzi pregiati della squadra guidata da Xavi.

Per ridurre il rosso del club starebbe valutando la vendita del 49% di BLM, la società ‘retail’ con cui il club gestisce il merchandising, che consentirebbe di ricavare circa 200 milioni di euro.

Un’altra opzione sul piatto sarebbe la vendita del 25% dei diritti televisivi della Liga. Il consiglio di amministrazione del Barcellona ha convocato un’assemblea straordinaria dei suoi membri il prossimo 16 giugno per votare sull’approvazione della cessione dei diritti tv che si potrebbe concludere “con uno o più investitori”.

Della situazione finanziare del club catalano ha parlato anche il presidente della Liga, Javier Tebas, in merito alle voci di mercato secondo le quali il Barcellona sarebbe pronto ad ingaggiare Robert Lewandowski: «Il Barça conosce perfettamente le nostre regole di controllo economico e la sua situazione finanziaria. Le regole servono per evitare grossi problemi economici. Non so se venderanno De Jong, Pedri o Pepito Pérez. Sanno cosa devono fare, vendere e avere maggiori entrate. Il Barça ha accumulato tante perdite negli ultimi anni, alcune che si sarebbero potute evitare, e deve riempire la dispensa. A oggi non possono ingaggiare Lewandowski»

ABBONATI ORA A DAZN. 29.99 EURO/MESE. DISDICI QUANDO VUOI

PrecedenteLazio, ufficiale il rinnovo di Sarri fino al 2025
SuccessivoLa Juventus risale in Borsa: titolo +40% da maggio