(Photo by Duncan Raban/Allsport/Getty Images)

A quarant’anni dal trionfo dell’Italia al Mundial di Spagna ’82, Sky dedica un nuovo racconto di Federico Buffa all’ex CT della Nazionale campione del mondo, Enzo Bearzot, il “Vecio”, protagonista di quell’indimenticabile successo.

La produzione originale Sky Sport, in due episodi, è stata realizzata all’Archivio Storico dell’Ospedale Maggiore Policlinico, a Milano, città d’elezione di Bearzot, e in alcuni dei suoi luoghi: Aiello del Friuli (Joannis), Visco, Gradisca d’Isonzo, Gorizia, Milano, Torino e al Museo del Calcio di Coverciano.

Il primo appuntamento andrà in onda da domani alle 18.25 su Sky Sport Uno e in streaming su NOW; venerdì prossimo 27 maggio, il secondo, dalle 19 sempre su Sky Sport Uno e in streaming su NOW.

Entrambi gli episodi saranno visibili a luglio, in occasione del quarantennale della vittoria azzurra, anche su Sky Documentaries, e sono disponibili on demand su Sky Q alla sezione #SkyBuffaRacconta.

Enzo Bearzot. Del trionfo del 1982 si è scritto, detto e letto quasi tutto. Un po’ meno del suo principale artefice e ideatore Enzo Bearzot, nato a Joannis, un tempo Comune, oggi frazione di Aiello del Friuli. Friulano di origine, ma milanese d’adozione, italiano atipico, come spesso sono gli italiani di frontiera, amante della letteratura e dei classici, Bearzot era un uomo colto ma soprattutto curioso, con una vera vocazione per il racconto: per lui il calcio non era solo un gioco ma una scuola di vita da cui trarre insegnamenti più profondi.

La famiglia avrebbe voluto per lui studi classici e una carriera da medico o in banca, ma la scintilla per il gioco scoppiò presto, probabilmente la sera del 19 giugno 1938, quando dagli altoparlanti della piazza di Gradisca d’Isonzo aveva ascoltato la radiocronaca di Nicolò Carosio e insieme a migliaia di concittadini aveva festeggiato la vittoria dell’Italia di Vittorio Pozzo, campione del mondo per la seconda volta nella storia, grazie ai gol di Piola e dell’ala sinistra della Nazionale Gino Colaussi, beniamino locale, per tutti Ginüt. Inizia probabilmente quella sera, da quella piazza, il sogno del giovane Bearzot di fare del calcio una professione. Le sue qualità fisiche e la preparazione sportiva ricevuta nel collegio di Gorizia in cui frequentava il liceo classico, fecero il resto.

Da calciatore vestì le maglie dell’Aiello, del Gorizia, dell’Inter, con cui esordirà in serie A nel 1948, del Catania, dove fu tra i protagonisti della storica promozione in Serie A, e del Torino.

A Milano arrivò nel 1948, appena ventunenne. Si innamorò subito della città, tanto da scegliere dopo pochi anni, di costruire lì la sua vita extra calcistica, insieme a Luisa, sua moglie, conosciuta sul tram numero 3. A Milano ebbe la possibilità di giocare al fianco del suo idolo d’Infanzia, Campatelli, a lui sono legati alcuni degli aneddoti di quel primo periodo interista, cui ne seguì un secondo. Con la maglia dell’Inter, nella seconda partita disputata, affrontò pure Silvio Piola, il giocatore che, con Colaussi, nel 1938 aveva regalato all’Italia il suo secondo titolo mondiale. Fu però ceduto al Catania, dove si trasferì per due anni. La squadra disputò due ottimi campionati in serie B, sfiorando la promozione in serie A al primo tentativo, per poi conquistarla la stagione successiva, nel 1953-54, quando per la prima volta, provò la gioia di vedere una città in festa per un trionfo conquistato grazie a lui. Quell’esperienza lo rafforzò dal punto di vista tecnico e di maturità, ma dal punto di vista umano fu il successivo anno a Torino a cambiarlo profondamente.

Se l’Inter era stata la squadra per cui aveva tifato da bambino, il Torino diventò presto la sua squadra da tutti i punti di vista. Aveva avvertito fin da subito la responsabilità di parteciparne alla ricostruzione. Non aveva mai potuto dimenticare, quando il 30 aprile 1949 aveva assistito in tribuna, a pochi metri da Mazzola, infortunato, all’ultima partita in Italia del Grande Torino: un pareggio 0-0 a San Siro, contro la sua Inter. Tre giorni più tardi, quando la notizia della tragedia lo aveva raggiunto nella sede di via Olmetto a Milano, dove viveva, era scoppiato a piangere, e raggiungere Torino in pullman per partecipare al funerale, fu uno strazio che a lungo gli evocò brividi che non poteva controllare.

Il Toro rimase per sempre la squadra del suo cuore e il Filadelfia un tempio da onorare. Toccò a lui segnare l’ultimo gol di un giocatore granata in una partita di campionato in quello stadio: Torino-Napoli 1-1 del 15 maggio 1963. La Stampa dell’epoca, scrisse che sembrava che quel tempio del calcio avesse voluto rendere un tributo al suo grande capitano friulano. Per questo, proprio al Filadelfia, oggi tornato ad essere casa del Torino FC, sono state girate molte delle immagini contenute nel primo episodio.

Bearzot giocò con il Torino fino a 37 anni, disputando 9 campionati. La più grande gioia in campo fu per lui il derby vinto nel ’59, con la maglia Talmone, contro la grande Juve Campione d’Italia di Sivori, Boniperti e Charles. La più grande delusione fu la retrocessione in Serie B quello stesso anno.

TUTTA LA SERIE A TIM È SOLO SU DAZN: 7 PARTITE IN ESCLUSIVA E 3 IN CO-ESCLUSIVA A GIORNATA. 29,99 EURO/MESE. ATTIVA ORA. DISDICI QUANDO VUOI

PrecedenteMilan, Tonali e Pioli premiati dalla Serie A come migliori del mese di maggio
SuccessivoDal calcio al tennis, un mese di sport a sconto su NOW