Cattelan stipendio Eurovision 2022
(Image credit: Depositphotos)

Cattelan stipendio Eurovision 2022 – Alessandro Cattelan è uno dei tre conduttori scelti per presentare l’Eurovision Song Contest, edizione del 2022 della rassegna canora, che si svolgerà dal 10 al 14 maggio 2022 presso il PalaOlimpico di Torino, in Italia, in seguito alla vittoria dei Maneskin con “Zitti e buoni” nell’edizione precedente.

Uno show che si preannuncia indimenticabile, grazie a tre conduttori d’eccezione – Laura Pausini, Mika e appunto Alessandro Cattelan – e alle performance degli artisti di 40 Paesi: l’Italia sarà in gara con la coppia Mahmood & Blanco e il brano “Brividi”, che ha trionfato alla 72ª edizione del Festival della Canzone Italiana di Sanremo.

Cattelan stipendio Eurovision 2022 – La struttura di “Sono un drago”

Ma quanto guadagna Cattelan per presentare questa edizione dell’evento? I dati sul cachet del presentatore non sono disponibili e non ci sono – al contrario di quanto accade con il Festival di Sanremo – indiscrezioni sul tema. E’ possibile però analizzare qualche dato della società che Cattelan ha costituito per i propri affari.

Il nome della società è “Sono un drago Srl”, ed è stata fondata da Alessandro Cattelan nel 2018. Cattelan ne possedeva inizialmente il 100% delle quote, ma successivamente nel capitale è entrata Giulia Ferretti con il 30%, mentre la carica di amministratore unico era stata affidata ad Andrea Carlo Deriu, un consulente finanziario della Banca Mediolanum della famiglia Doris.

Cattelan stipendio Eurovision 2022 – Gli affari del conduttore

Gli ultimi dati disponibili della società fondata da Alessandro Cattelan sono quelli che risalgono al bilancio chiuso il 31 dicembre 2020. Come si evince dal conto economico, i ricavi nel 2020 – seppur influenzati dall’emergenza Coronavirus – sono stati pari a oltre 698mila euro, in netta crescita rispetto ai 360mila euro del 2019.

Sul fronte dei costi, nel 2020 la voce ammonta a oltre 469mila euro, anche in questo caso in crescita rispetto agli oltre 230mila euro dell’anno prima. La società nel 2020 ha chiuso il bilancio in utile per oltre 163mila euro, in netta crescita – utile quasi raddoppiato – rispetto ai quasi 98mila euro dell’anno precedente.

TUTTA LA SERIE A TIM È SOLO SU DAZN: 7 PARTITE IN ESCLUSIVA E 3 IN CO-ESCLUSIVA A GIORNATA. 29,99 EURO/MESE. ATTIVA ORA. DISDICI QUANDO VUOI

PrecedenteIl Feyenoord attacca l’Uefa: «Sui biglietti situazione inaccettabile»
SuccessivoNuova Champions, possibili sette posti per i club di Serie A