Quanti abbonati ha Netflix

Calano gli abbonati per la prima volta nella storia e Netflix corre ai ripari. Il duplice pericolo della diminuzione degli abbonati e dell’aggravarsi delle perdite ha portato Netflix a prendere in considerazione una restrizione sulla condivisione delle password e non solo. Il co-amministratore delegato Reed Hastings ha anche aggiunto che la società potrebbe offrire un livello di abbonamento a basso prezzo che include pubblicità, una mossa a cui ha resistito per anni.

«È abbastanza chiaro che sta funzionando per Hulu, Disney lo sta facendo, HBO lo ha fatto. Non penso che abbiamo molti dubbi sul fatto che funzioni», ha detto Hastings in una video intervista con l’analista di JP Morgan Doug Anmuth pubblicata nel corso della settimana. «Tutte quelle aziende l’hanno capito. Sono sicuro che entreremo e lo capiremo invece di testarlo e forse farlo o non farlo. Penso che entreremo davvero».

Netflix ha riportato una perdita netta di 200.000 abbonati a pagamento nel primo trimestre, mentre gli analisti in media prevedevano 2,5 milioni di nuovi abbonamenti. Il calo è arrivato dopo un aumento dei prezzi negli Stati Uniti e in Canada. Le azioni sono crollate di oltre il 25% dopo la pubblicazione dei risultati.

In una lettera agli azionisti, i dirigenti hanno confermato che stimano che altre 100 milioni di famiglie stiano utilizzando gli account dei 222 milioni di abbonati di Netflix. Un’ipotesi che potrebbe portare alla decisione di aumentare il prezzo degli abbonamenti per chi condivide gli account, seguendo la scia di DAZN: «Un altro obiettivo è il modo migliore per monetizzare la condivisione: gli oltre 100 milioni di famiglie che utilizzano l’account di un’altra famiglia. Questa è una grande opportunità poiché queste famiglie stanno già guardando Netflix e si stanno godendo il nostro servizio. La condivisione probabilmente ha contribuito ad alimentare la nostra crescita facendo in modo che più persone utilizzino e si godano Netflix. E abbiamo sempre cercato di semplificare la condivisione all’interno della famiglia di un membro, con funzionalità come profili e più flussi. Sebbene siano stati molto popolari, hanno creato confusione su quando e come condividere Netflix con altre famiglie».

«Così all’inizio dell’anno scorso abbiamo iniziato a testare diversi approcci per monetizzare la condivisione e, a marzo, abbiamo introdotto due nuove funzionalità di condivisione a pagamento, in cui gli attuali membri possono scegliere di pagare per famiglie aggiuntive, in tre mercati dell’America Latina. C’è una vasta gamma di coinvolgimento quando si tratta di condividere le famiglie dalla visione alta a quella occasionale. Quindi, sebbene non saremo in grado di monetizzare tutto in questo momento, riteniamo che sia una grande opportunità a breve e medio termine. Mentre lavoriamo per monetizzare la condivisione, la crescita di ARM, le entrate e la visualizzazione diventeranno indicatori più importanti del nostro successo rispetto alla crescita dei membri».

TUTTA LA SERIE A TIM È SOLO SU DAZN: 7 PARTITE IN ESCLUSIVA E 3 IN CO-ESCLUSIVA A GIORNATA. 29,99 EURO/MESE. ATTIVA ORA. DISDICI QUANDO VUOI