Lazio nuovo stadio progetto
Claudio Lotito (Foto: andrea staccioli Insidefoto)

La Lega Serie A ha deciso di prendere tempo per scegliere il nuovo presidente. I club, che nella giornata di ieri si sono riuniti in assemblea, hanno infatti deciso di rinviare il voto sul successore del dimissionario Paolo Dal Pino alla prossima settimana. Sarebbero stati in particolare De Laurentiis e Lotito – sostenitori del candidato Lorenzo Casini – a spingere perché non si votasse.

La motivazione risiede nel fatto che secondo i patron di Napoli e Lazio Casini avrebbe rischiato di essere “bruciato” qualora non fosse stato eletto, lasciando campo libero a Bini Smaghi e a Masi, che non si sono nemmeno presentati. Una mossa strategica, avendo intuito che sarebbe stato impossibile raccogliere gli 11 voti necessari all’elezione.

Lo stesso Lotito è stato protagonista anche di un’accesa discussione con l’AD dell’Inter Giuseppe Marotta, sulla necessità di trovare un profilo condiviso. «Se hai un nome, dillo!», l’attacco del patron biancoceleste. «No, non ce l’ho», ha replicato Marotta. «E allora troviamo convergenza su un nome, visto che ci sono tre candidati», ha ribattuto ancora Lotito.

Il presidente della Lazio, a conclusione dello scambio dai toni accesi, ha voluto rimarcare in maniera poco ortodossa anche la differenza tra lui – che in qualità di proprietario mette i soldi per la società – e lo stesso Marotta, che Lotito ha ricordato essere stipendiato direttamente da un club, l’Inter.

ISCRIVITI AD AMAZON PRIME VIDEO E PROVALO GRATIS PER 30 GIORNI. CLICCA QUI PER REGISTRARTI

IMPORTANTE: In qualità di Affiliato Amazon, Calcio e Finanza riceve un guadagno dagli acquisti idonei. Calcio e Finanza riceve una commissione per ogni utente, con diritto di usufruire del periodo gratuito di 30 giorni di Amazon Prime, che da www.calcioefinanza.it si iscrive a Prime attraverso PrimeVideo.com. Registrandoti ad Amazon Prime Video attraverso il precedente link puoi pertanto contribuire a sostenere il progetto editoriale di Calcio e Finanza. Grazie.

PrecedenteSuperlega, è l’Inter il club fuori dal progetto
SuccessivoDa Nike a Generali, tutti i colossi che lasciano la Russia