La Juventus U23 può andare in Serie B
(Foto: Valerio Pennicino/Getty Images)

La spinta a favore di Dazn per assegnare alla piattaforma streaming i diritti tv della Serie A rischia di costare caro alla Juventus. Lo sottolinea Il Fatto Quotidiano, che ripercorre gli scorsi mesi quando il club bianconero era stato tra le società più attive nel cercare di concludere l’accordo tra la Lega e Dazn in assemblea, arrivando a sfiduciare Dal Pino e far cadere l’operazione con i fondi di private equity spingendo per assegnare i diritti alla piattaforma streaming.

Cosa che è avvenuta, con le problematiche legate a Dazn che ne sono seguite in questa stagione. E tra i problemi c’è anche quello degli ascolti: l’Agcom infatti non ha ritenuto valida la metodologia di conteggio degli spettatori di Dazn insieme a Nielsen e per la stagione 2021/22 la Lega Serie A dovrà tenere conto, così, dei soli dati Auditel per la distribuzione dei diritti tv. Dati Auditel che, tuttavia, tengono conto solo di una parte degli ascolti, quelli legati alle partite che vengono trasmesse sui canali tv come quello di Sky (quando la gara è in co-esclusiva tra Sky e Dazn) e non, invece, sullo streaming.

Il risultato è che, poiché le gare della Juventus sono state trasmesse poche volte su Sky ad esempio (nel girone d’andata solo una volta rispetto alle 7 dell’Inter e alle 8 del Milan), nei dati d’ascolti i bianconeri si ritrovano non solo dati dimezzati rispetto alla scorsa stagione, ma addirittura sono dietro sia Inter che Milan.

Nella graduatoria riportata da Italia Oggi nei giorni scorsi, infatti, per il 21/22 troviamo in testa il Milan con 15,8 milioni di spettatori complessivi, seguito da Inter (15,3 milioni) e Juventus (14,5 milioni). La differenza per le tre big, rispetto al girone d’andata della scorsa stagione, è rispettivamente -25%, -20% e addirittura -50% per i bianconeri.

Con una ripercussione quindi, oltre che di valore complessivo dei diritti tv alla luce anche delle difficoltà di Dazn pure in termini di abbonati, anche per la stessa Juventus sul piano economico: la graduatoria degli ascolti serve per distribuire una quota dei ricavi da diritti tv pari a circa l’8%, ovverosia circa 90 milioni di euro. Con impatto diretto, quindi, per il club bianconero che rischia di veder ridotta la propria cifra.

ISCRIVITI AD AMAZON PRIME VIDEO E PROVALO GRATIS PER 30 GIORNI. CLICCA QUI PER REGISTRARTI

IMPORTANTE: In qualità di Affiliato Amazon, Calcio e Finanza riceve un guadagno dagli acquisti idonei. Calcio e Finanza riceve una commissione per ogni utente, con diritto di usufruire del periodo gratuito di 30 giorni di Amazon Prime, che da www.calcioefinanza.it si iscrive a Prime attraverso PrimeVideo.com. Registrandoti ad Amazon Prime Video attraverso il precedente link puoi pertanto contribuire a sostenere il progetto editoriale di Calcio e Finanza. Grazie.

PrecedenteProprietà Usa, dal Milan alla Roma già spesi oltre 2 mld
SuccessivoL’Argentina leader a livello mondiale nell’esportazione di calciatori