John Elkann (Photo by Charles Coates/Getty Images)

Ferrari darà ai 4.500 dipendenti un premio annuale di competitività legato ai risultati fino a poco più di 12.000 euro. Lo ha annunciato l’ad Benedetto Vigna. È la prima volta che il premio Ferrari supera i 10.000 euro. Il calcolo dei giorni di assenza tiene conto dell’impatto della pandemia, neutralizzandone gli impatti.

“L’anno è stato eccezionale grazie alla passione e alla dedizione del personale e per premiare i loro successi, in linea con i forti indicatori di performance della società sono lieto di annunciare il premio annuale fino a poco più di 12.000 euro per i nostri dipendenti”, ha detto l’amministratore delegato.

I ricavi di Ferrari hanno superato per la prima volta la soglia di 4 miliardi, raggiungendo i 4,3 miliardi. “Abbiamo raggiunto risultati record in tutte le metriche e siamo tornati ai livelli pre pandemia”, ha aggiunto Vigna. “Il portafoglio ordini non è mai stato così forte. Il trend positivo ha caratterizzato l’intero anno ed è proseguito nel quarto trimestre, quando abbiamo registrato un’impressionante raccolta ordini nonostante la nostra decisione di chiudere la raccolta ordini su alcuni modelli”.

“Prevediamo altri 2 lanci quest’anno, completando i 15 promessi al Capital Markets Day nel 2018. Nel 2022, sveleremo il tanto atteso Purosangue, che sono fiducioso supererà le aspettative dei nostri clienti. L’ho guidata più volte sulle colline intorno a Maranello e posso testimoniare che l’esperienza di guida è davvero stupefacente, ma non voglio dire di più per evitare di rovinare la sorpresa”.

“Arriveranno a breve altre importanti partnership tecnologiche. Nel 2022 puntiamo ad andare oltre. Prima pietra miliare di questo percorso sarà il Fashion Show a Milano in questo mese”.

TUTTA LA SERIE A TIM È SOLO SU DAZN: 7 PARTITE IN ESCLUSIVA E 3 IN CO-ESCLUSIVA A GIORNATA. 29,99 EURO/MESE. ATTIVA ORA. DISDICI QUANDO VUOI

PrecedenteStudio Mediobanca: il canone Rai è il più basso in Europa
SuccessivoLa decisione del Governo: Green Pass illimitato dopo la terza dose