Da Arpad Weisz a “Giovinette”: il calcio ricorda le vittime della Shoah

Si celebra nella giornata di oggi il Giorno della Memoria, una ricorrenza internazionale per commemorare le vittime della Shoah, il genocidio di cui furono responsabili le autorità della Germania nazista…

mostra arpad weisz milano

Si celebra nella giornata di oggi il Giorno della Memoria, una ricorrenza internazionale per commemorare le vittime della Shoah, il genocidio di cui furono responsabili le autorità della Germania nazista e i loro alleati, dello sterminio di tutte le categorie di persone dai nazisti ritenute “indesiderabili” o “inferiori” per motivi politici o razziali, tra cui gli ebrei d’Europa.

Così, anche il mondo del calcio non manca di ricordare protagonisti e storie dell’epoca. Per tutta la giornata di oggi, giovedì 27 gennaio, Sky Sport proporrà una programmazione speciale per commemorare le vittime dello sterminio. “Un Giorno nella Memoria. Un legame nel tempo, nel nome dello sport” il titolo della produzione in cui sono protagonisti tre campioni del presente che adottano tre sportivi ebrei del passato, ridando letteralmente voce per un giorno alle loro storie e ricordando le loro vite, segnate indelebilmente dagli orrori della Guerra e della Shoah. Filippo Tortu, Alessandro Miressi e Martina Santandrea interpretano Franz Orgler, Alfred Nakache e Àgnes Keleti.

[cfDaznAlmanaccoCalcioPlayer]

Memoriale Shoah: lo sport anti razzismo”, tratto dall’evento tenutosi martedì 25 presso il Memoriale della Shoah di Milano, aprirà le porte del dibattito “Lo sport come antidoto al razzismo” insieme a Matteo Marani, Angelica Vasile (Presidente Commissione Sport del Comune di Milano), Alessandro Costacurta, Marco Fichera (Presidente del Comitato Promotore delle Olimpiadi di Scherma Milano 2023), Daniele Nahum (Vicepresidente della Commissione Sicurezza e Inclusione Sociale del Comune di Milano) e Alessandro Giungi (Presidente della Commissione Olimpiadi e Paralimpiadi del Comune di Milano); tavolo di confronto moderato dal giornalista Franco Vanni.

Da non dimenticare anche #SkyBuffaRacconta, in memoria di Erno Egri Erbstein. Federico Buffa incontra Susanna Egri, Presidente della Fondazione Egri per la Danza, per scoprire la storia di suo padre, sopravvissuto con lei agli orrori delle persecuzioni ebraiche. Tra i temi anche il Grande Torino, la leggendaria squadra degli “Invincibili”, di cui Erno Egri Erbstein fu allenatore e con la quale venne colpito nella tragica fatalità del 4 maggio 1949.

Sempre per il ciclo di #SkyBuffaRacconta, “Federico Buffa racconta Arpad Weisz” tratta la narrazione della storia del grande allenatore di Inter e Bologna deportato e ucciso ad Auschwitz nel gennaio del 1944. Una originale rilettura dello storyteller di Sky Sport, che trae origine dal libro “Arpad Weisz, dallo Scudetto ad Auschwitz”, scritto da Matteo Marani.

[cfDaznWidgetSerieA]

Appuntamento inoltre con Marani con “1938 – Lo sport italiano contro gli ebrei”. Il racconto parte dal 18 settembre di quell’anno, quando – in occasione della prima giornata di Serie A – quella che avrebbe dovuto essere una normale domenica di pallone passerà tragicamente alla storia per il discorso sulla razza pronunciato da Benito Mussolini a Trieste.

Infine, le due puntate de “L’uomo della domenica” di Giorgio Porrà, la prima interamente dedicata al Giorno della Memoria e la seconda dal titolo “Giovinette”, il racconto della nascita, nel ventennio fascista, della prima squadra femminile del calcio italiano, nonostante la strenua opposizione del regime.