Mlan tifosi stadio
Tifosi del Milan allo stadio (Photo Andrea Staccioli / Insidefoto)

«Ridurre la capienza degli stadi? È un’assurdità controproducente». Lo dice Matteo Bassetti, primario di Malattie infettive all’ospedale San Martino di Genova e grande appassionato di calcio, in un’intervista alla Gazzetta dello Sport. «Assistiamo a un continuo crescere e decrescere, quando andrebbe sempre mantenuta una percentuale in relazione allo stadio: aprire per 5mila a San Siro è una presa in giro. Stiamo tornando tutti indietro, a quei mesi in cui entravano in mille e poi li trovavi tutti nella stessa zona, ammassati nella tribuna centrale senza alcun distanziamento».

«È un errore grave nei confronti della campagna vaccinale – prosegue Bassetti -. Hai portato dei tifosi a vaccinarsi facendo capire loro che così si sarebbero protetti e avrebbero avuto pure il diritto di andare allo stadio, un posto sacro per loro. Adesso che togli loro questa possibilità, rischi di instillare in qualcuno il dubbio che non sia servito a nulla vaccinarsi. Mettere dentro il 50% delle persone, tutte vaccinate con doppia e tripla dose, non è minimamente un rischio. Bisognava chiudere gli impianti ai non vaccinati, e su questo siamo tutti d’accordo, ma non smettiamo di guardare anche a cosa succede negli altri Paesi: la Premier continua ad avere la capienza al 100%…».

«L’ambiente all’aperto di uno stadio è uno dei luoghi più sicuri. Anziché ridurre la capienza, andava lanciato un altro messaggio. Serviva alzare il controllo sulle mascherine FFP2, pena delle multe vere. Serviva controllo sul distanziamento e sui green pass per evitare che qualche furbo entrasse con il certificato di un altro. Purtroppo, lo stadio è un luogo paradigmatico per i nostri amministratori sin da Atalanta-Valencia 2020, come se fosse il moltiplicatore del contagio. Cosa che non è vera, nonostante non si sia mai immuni da rischi».

«Pregiudizio verso il calcio? Certo, c’è nei confronti del calcio, delle discoteche, del divertimento. Ed è un errore. Appena è ripartita la curva dei contagi, si sono colpiti questi settori. Il calcio, invece, è parte fondamentale del nostro sistema produttivo, tocca decine di migliaia di persone. Ma in generale dobbiamo cambiare la prospettiva sul virus Bisogna uscire dalla logica del Covid come malattia terrificante perché siamo ormai in una fase endemica in cui i vaccinati possono reggere l’urto. Se ora, dopo tre dosi, affrontiamo il Covid con le chiusure, anche degli stadi, ci facciamo del male. E finiremo per avere un Paese più complicato».

TUTTA LA SERIE A TIM È SOLO SU DAZN: 7 PARTITE IN ESCLUSIVA E 3 IN CO-ESCLUSIVA A GIORNATA. 29,99 EURO/MESE. ATTIVA ORA. DISDICI QUANDO VUOI