Dal Toro alla Lazio: i club che vogliono gli Scudetti del passato

Il 2022 potrebbe essere ricordato come l’anno dei quattro scudetti. Come riporta la Stampa, la stagione in corso può essere quella decisivo per riscrivere l’albo d’oro del campionato, aggiornandolo con…

Scudetti del passato

Il 2022 potrebbe essere ricordato come l’anno dei quattro scudetti. Come riporta la Stampa, la stagione in corso può essere quella decisivo per riscrivere l’albo d’oro del campionato, aggiornandolo con la vittoria del 2021-22 e modificando quelle del 1914-15, 1924-25 e 1926-27. La decisione è attesa per la primavera, ma quali sono le squadre che potrebbero vedersi modificare il palmares a un secolo di distanza?

A rimanere col fiato sospeso sono Torino, Bologna, Genoa e Lazio. Per quanto riguarda il Torino, al centro dell’attenzione c’è lo scudetto vinto nel 1927, poi cancellato al termine di un processo rapido e poco chiaro per accuse di combine tra dirigenti granata e giocatori della Juventus, in seguito alla gara decisiva per l’assegnazione del titolo.

Il titolo fu tolto al Torino, ma non assegnato al Bologna arrivato secondo. Bologna che invece vinse due anni prima, nel 1925, anche in questo caso in maniera controversa: gli emiliani superarono il Genoa al termine di una gara piena di intimidazioni, centrando il primo titolo della propria storia e togliendo ai liguri la possibilità della stella. Possibilità che potrebbe invece giungere nell’anno che viene.

Infine, anche la Lazio guarda con attenzione alle vicenda, e anche in questo caso è coinvolto il Genoa. Nel 1915 la finale con i biancocelesti valevole per il titolo non si disputò causa guerra, e questo venne assegnato al Grifone per presunta superiorità: la Lazio chiede l’assegnazione del titolo ex aequo.