Evergrande creditori

Evergrande spaventa con il rischio default nel giorno in cui la Banca centrale cinese ha varato il secondo taglio dell’anno da 50 punti base del coefficiente di riserva obbligatoria degli istituti di credito per sostenere la crescita e il Partito comunista è sceso in campo promettendo per il 2022 liquidità adeguata e sostegno al settore immobiliare.

Secondo quanto riportato dall’ANSA, il secondo sviluppatore cinese di real estate, oberato da oltre 300 miliardi di dollari di debiti, è affondato alla Borsa di Hong Kong, cedendo il 19,56%, a 1,81 dollari di HK, ai minimi mai registrati dalla quotazione di fine 2009. La compagnia ha reso noto venerdì di voler lavorare attivamente coi creditori offshore su un piano di ristrutturazione, aggiungendo che non vi era alcuna garanzia sui fondi sufficienti per far fronte ai suoi obblighi. Una mossa che aveva provocato la convocazione d’urgenza del presidente e fondatore Hui Ka Yan da parte del governo del Guangdong che aveva concordato di inviare un gruppo di lavoro per supervisionare la gestione del rischio.

Evergrande si trova infatti ad affrontare difficoltà crescenti: un coupon da 82,5 milioni di dollari ha il periodo di tolleranza in scadenza oggi, mentre un pool di creditori ha sollecitato il pagamento di 260 milioni di debiti, alimentando lo spettro del fallimento che avrebbe pesanti ripercussioni, almeno sul comparto immobiliare che nell’ultimo ventennio ha contribuito per un terzo alla composizione del Pil cinese.

Anche il Partito comunista si è mobilitato, promettendo «operazioni economiche in un raggio ragionevole nel 2022». Il Politburo, il principale organo decisionale del Pcc e del Paese, ha chiarito dopo un incontro sulle condizioni economiche guidato dal presidente Xi Jinping, che «è necessario promuovere la costruzione di alloggi a prezzi accessibili», puntando a «sostenere il mercato immobiliare per soddisfare meglio le ragionevoli esigenze abitative degli acquirenti e promuovere lo sviluppo sano e il circolo virtuoso del settore».

Tutta la Serie A TIM è solo su DAZN: 7 partite in esclusiva e 3 in co-esclusiva a giornata. 29,99 euro/mese. Attiva Ora. Disdici quando vuoi