TIM accordo DAZN
(Foto: Andrea Staccioli / Insidefoto)

Vivendi “è un investitore di lungo termine in TIM e non intende dismettere la propria la quota”. Lo dichiara un portavoce del gruppo francese, primo azionista di Tim. Vivendi “ribadisce la propria volontà di collaborare con le autorità e istituzioni italiane per il successo della società”. Per quanto riguarda l’attuale offerta di KKR, la posizione è che “non rispecchia il reale valore di Tim”.

Tim ha girato così in calo a Piazza Affari, dopo aver perso progressivamente smalto nel corso della mattinata, in scia all’annuncio di Vivendi di non voler cedere la propria quota, Il gruppo francese mantiene così una minoranza di blocco in assemblea sulle operazioni straordinarie. Il titolo ora cede il 2,3%, a 0,4402 euro, allontanandosi dagli 0,505 euro che Kkr si è detta disposta a pagare.

Al di là delle ragioni strategiche, la scelta dei francesi di non vendere trova ulteriori argomenti nell’andamento del titolo in Borsa che, prima dell’annuncio di Kkr, navigava in prossimità dei minimi storici, secondo l’Ansa. Un trend che Vivendi, si riferisce in ambienti vicini al gruppo di Bolloré, imputa alla gestione di Gubitosi, accusato di mancare di una strategia sostenibile e di capacità di esecuzione, con effetti negativi sulla sua credibilità sul mercato.

Il duro giudizio, secondo i francesi, è riflesso nei numeri: in Borsa il prezzo medio del titolo durante l’era Gubitosi, iniziata il 18 novembre 2018, è stato di 0,419 euro, a fronte degli 0,705 euro del biennio precedente, periodo in cui si sono succeduti alla guida gli ad, Flavio Cattaneo e Amos Genish, con una perdita di valore del 33,4%.

Nell’ultimo triennio, viene fatto notare, Tim ha spesso sottoperformato gli altri ex monopolisti europei su diversi periodi temporali di riferimento (a sei mesi, un anno, due anni, tre anni, dallo scoppio del Covid, dall’inizio del 2021), recependo il deterioramento di una serie di indicatori chiavi di performance (kpi), sia finanziari che operativi.

Scopri TIMVISION Gold con tutto Netflix, Disney+, DAZN con tutta la Serie A TIM, Infinity+ con la UEFA Champions League. Clicca qui, compila il form e ricevi maggiori informazioni