Bruno Vespa Mediaset
Logo mediaset (foto Daniele Buffa/Image/Insidefoto)

Il pm di Milano Silvia Bonardi ha chiesto l’archiviazione dell’indagine sulla presunta scalata di Vivendi a Mediaset in cui i vertici del gruppo francese Vincent Bollorè e Arnauld De Puyfontaine sono accusati di manipolazione del mercato e di ostacolo all’esercizio delle funzioni delle autorità pubbliche di vigilanza. La richiesta, come riportato dall’ANSA, riguarda anche, solo per Bollorè, un ulteriore episodio di market abuse finalizzato all’ingresso di Groupama in Premafin, che risale all’autunno 2010, avvenuto attraverso le società a lui riconducibili Financiere De l’Odet e Financiere Du Pereguet.

Da quanto è emerso “nel corso delle articolate e complesse” indagini sulla presunta scalata di Vivendi a Mediaset, vicenda “pesantemente condizionata” dagli accordi in sede civile, “non si esita a definire alquanto anomalo” il fatto che “il procedimento scaturì non da una segnalazione di Consob (come è abituale per i reati di market abuse quale quello poi contestato), quanto piuttosto da denunce private” della stessa Mediaset e di Fininvest. Lo scrive il pm Silvia Bonardi nella richiesta di archiviazione, di cui l’ANSA
ha preso visione, nei confronti dei vertici del gruppo Bollorè e De Puyfontaine parlando di “silenzio” di Consob.

Scopri TIMVISION Gold con tutto Netflix, Disney+, DAZN con tutta la Serie A TIM, Infinity+ con la UEFA Champions League. Clicca qui, compila il form e ricevi maggiori informazioni