DAZN visione contemporanea
(Foto: Antonietta Baldassarre / Insidefoto)

Slitta a domani l’incontro l’incontro fra i vertici Dazn e il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti. Secondo quanto riportato dal Sole 24 Ore, si svolgerà quindi domani l’incontro con i «vertici di Dazn per fare chiarezza, a tutela dei consumatori, anche sulle ultime decisioni dell’azienda che detiene i diritti tv del calcio di serie A».

Al centro resta quella che viene definita «concurrency»: Dazn aveva infatti filtrare la volontà di proseguire con lo stop alla visione in contemporanea su due device con un singolo abbonamento da parte della società che ha acquistato i diritti tv per trasmettere la Serie A.

Tuttavia, in seguito Dazn, anche per le proteste degli utenti e anche la convocazione da parte del Mise, ha fatto marcia indietro. “Nel rispetto di coloro che usano in modo corretto la condivisione e con l’obiettivo di tutelare l’interesse dei nostri abbonati, nessun cambio verrà introdotto nella stagione in corso”, aveva spiegato la stessa piattaforma streaming.

“Auspichiamo che l’attenzione sollevata dalle indiscrezioni circolate, porti ad una riflessione seria e concreta sul tema degli abusi contrattuali e della pirateria, aspetti che riguardano tutto il mondo delle OTT e non solo Dazn. Il nostro impegno continuerà ad essere costante e, come sempre, siamo pronti a lavorare insieme a istituzioni, autorità e con tutte le parti coinvolte e interessate. Approfondiremo questo discorso nel corso dell’incontro con il Ministro Giorgetti durante il quale illustreremo anche le proposte di rimodulazione e ampliamento delle nostre offerte con l’obiettivo di mettere al centro i consumatori”, aveva concluso Dazn.

Scopri TIMVISION Gold con tutto Netflix, Disney+, DAZN con tutta la Serie A TIM, Infinity+ con la UEFA Champions League. Clicca qui, compila il form e ricevi maggiori informazioni