Classifica ricavi aziende italiane
Luigi Gubitosi, ad di Tim (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images for Lega Serie A)

L’Area Studi Mediobanca ha presentato la 56esima edizione dello studio sulle Principali Società Italiane. Lo studio analizza i bilanci di 3.437 aziende, suddivise in base al settore in cui operano. Nel dettaglio: 2.573 società industriali e di servizi, 252 holding, 27 SIM, 29 società di leasing, 39 di factoring e credito al consumo, 403 banche e 114 assicurazioni.

Dopo la battuta d’arresto dovuta alla pandemia da Covid-19 nel 2020, l’economia mondiale è stimata in ripresa del 5,9% nel 2021 e del 4,9% nel 2022. Il PIL italiano crescerebbe più della media dell’area euro: +5,8% nel 2021 (+0,9 punti percentuali in più rispetto alle stime di luglio) e +4,2% nel 20221.

La classifica dell’industria è dominata per fatturato dai grandi gruppi energetico-petroliferi pubblici: Enel (con un fatturato di 62,6 miliardi di euro), Eni (44 miliardi) e GSE (26,3 miliardi). Le posizioni successive si aprono ad altri settori, come il manifatturiero che si impone con FCA Italy – società che gestisce le attività italiane del gruppo Stellantis – in quarta posizione (20 miliardi) e i servizi guidati da Telecom (15,6 miliardi).

Nei primi 20 gruppi ne figurano dieci a controllo pubblico, cinque a controllo privato italiano e altrettanti a proprietà estera; sei delle prime venti società appartengono al settore energetico (petrolifero o energia elettrica), otto alla gestione di infrastrutture o ai servizi (commerciali, di telecomunicazioni, di ristorazione, postali, distributivi o di trasporto) e sei alla manifattura. Tra le new entries nella top 20 troviamo: Italpreziosi, Eurospin Italia, Fincantieri e Lidl Italia.

Questa la graduatoria completa delle prime 20 società per fatturato:

  1. Enel – 62,6 miliardi di euro
  2. Eni – 44 miliardi di euro
  3. GSE (Gestore dei servizi energetici) – 26,3 miliardi di euro
  4. FCA Italy – 20 miliardi di euro
  5. Telecom Italia – 15,6 miliardi di euro
  6. Leonardo – 13,4 miliardi di euro
  7. Ferrovie dello Stato italiane – 10,5 miliardi di euro
  8. Edizione – 10,4 miliardi di euro
  9. Prysmian – 10 miliardi di euro
  10. Poste Italiane – 8,5 miliardi di euro
  11. Superit – 8,2 miliardi di euro
  12. Parmalat – 7,4 miliardi di euro
  13. Saipem – 7,3 miliardi di euro
  14. Hera – 7 miliardi di euro
  15. Italpreziosi – 6,9 miliardi di euro
  16. Edison – 6,6 miliardi di euro
  17. A2A – 6,6 miliardi di euro
  18. Eurospin Italia – 6,3 miliardi di euro
  19. Fincantieri – 5,8 miliardi di euro
  20. Lidl Italia – 5,5 miliardi di euro

La società con il maggior numero di dipendenti rimane Poste Italiane, con oltre 124 mila unità, nonostante il calo del 3,5%. Poste precede Ferrovie dello Stato (81.409 unità); seguono, con più di 50mila addetti, Enel (66.717) e Edizione (57.606).

Pur in presenza di una crisi di portata eccezionale, circa il 30% delle aziende che compongono la graduatoria ha realizzato, nel 2020, un incremento di fatturato. In particolare, si sono distinte alcune aziende del comparto alimentare, della distribuzione organizzata (food), del farmaceutico e del settore informatico.

Scopri TIMVISION Calcio e Sport: Serie A e Champions League in un unico abbonamento a 19,99 €/mese. Clicca qui, compila il form e ricevi maggiori informazioni