Green Pass sale scommesse
Il legame tra gioco d’azzardo e calcio non è sempre tutto rose e fiori come sembra. É appurato che siano un’ accoppiata vincente, ad iniziare dalle società calcistiche che incassano notevoli somme con le sponsorizzazioni delle aziende del settore gambling. Dal canto loro i provider di scommesse sportive possono contare su milioni di appassionati e iscritti che postano i loro pronostici sui vari palinsesti a disposizione.

La situazione in Italia e il divieto di sponsorizzazione per le squadre di calcio

Secondo gli addetti ai lavori alcuni membri politici hanno chiesto a gran voce il divieto di sponsorizzazione dei club almeno per i prossimi due anni. In base ad alcune notizie trapelate si parla di implementare il tutto con un decreto legge per sospendere questa collaborazione fino al 30 Giugno 2023. Già se ne era discusso con il “Decreto Dignità” emesso dal Governo di Giuseppe Conte  approvato il 12 Luglio 2018.

Giovanni Malagò, è stato categorico mostrando di non essere d’accordo con questa procedura in passato. “E’ una di quelle cose figlia di un contesto di demagogia che ha penalizzato lo sport ed è una partita che si sta giocando ad armi impari. Oggettivamente perdiamo elementi di competitività”, ha dichiarato il presidente del Coni.

Il ruolo delle scommesse è stato cruciale in questo periodo di Covid-19 che stiamo ancora vivendo, facendo risollevare il mercato del gambling per l’economia italiana. Sono aumentati gli utenti che scelgono le quote piú invitanti su provider di comparazione nel nostro bel paese o in tutta Europa come Newbettingsites.uk o altri rinomati AAMS nel territorio nazionale.

Ad alzare la voce è soprattutto il Movimento 5 Stelle da sempre impegnato nella battaglia alla pubblicità diretta e indiretta del gioco d’azzardo. A dar fastidio soprattutto al senatore Giovanni Endrizzi è il comportamento definito “scorretto” di far leva sui trionfi azzurri per reclamizzare il miraggio di vincite immeritate. Non solo questo, a detta di questi politici, si contesta la pubblicità di un settore vietato ai minori di 18 anni, infrangendo e sfruttando il sogno di diventare calciatori di molti ragazzi. Tutto questo non viene considerato etico dal partito M5S, anche se molti esponenti in realtà non si sono pronunciati, la protesta sui compensi milionari percepiti delle squadre professionistiche tiene ancora banco.

L’importanza delle scommesse sportive per la ripresa dell’economia italiana

Gli introiti provenienti dalle scommesse sportive sono in ascesa costante in tutto il mondo, basti pensare che negli Usa le spese per il gambling sono arrivate a più di centocinquanta milioni di dollari. Un trend che si è innalzato considerevolmente rispetto al precedente trimestre.

Un paio di mesi fa anche in Spagna sono stati banditi gli sponsor e le pubblicità. Questo divieto riguardava sia la televisione che le trasmissioni radiofoniche, ad eccezione degli orari notturni (dall’una alle 5 del mattino).

Navigando nel web i banner pubblicitari e pop-up di promozioni su piattaforme di scommesse appaiono continuamente, a volte risultano anche invasivi ma attirano migliaia di persone in questo ambito sempre piú in voga. Il potere di questo binomio sponsorizzazione-società calcistica è innegabilmente in crescita esponenziale ed è sempre piú semplice trovare portali, casinó, agenzie di scommesse online dove poter giocare e scommettere soldi sui tanti eventi proposti.

Ognuna di queste piattaforme generalmente garantisce sicurezza, assistenza clienti 24/7, allettanti bonus e affidabilità. Quest’ultima viene documentata con certificati di qualità e criteri di legalità per operare in Italia o in altri paesi. Basti pensare che il mondo delle scommesse risale a piú 200 anni fa, in Inghilterra si postava sull’ippica, il trotto e il galoppo. Riflettendoci bene però dobbiamo andare ancora piú indietro con gli anni, quando gli antichi romani già ai tempi degli antichi romani si riunivano nelle arene per puntare sui giochi ed i risultati delle corse.