Sala referendum San Siro
San Siro (Photo credit should read MARCO BERTORELLO/AFP/Getty Images)

«Sarebbe un grande peccato solo pensare di abbattere un monumento nazionale come San Siro. È uno degli stadi più belli al mondo, pertanto le società facciano un altro stadio, però il Meazza non sia abbattuto». Così ai microfoni de “La Politica nel Pallone” di RaiGrParlamento, Ernesto Pellegrini, presidente dell’Inter dal 1984 al 1995, anno in cui gli è subentrato Massimo Moratti.

L’ex presidente nerazzurro ha parlato del grande tema del nuovo stadio di Milano, tornato al centro delle cronache dopo la vittoria di Giuseppe Sala alle elezioni comunali. Sala che proprio oggi ha incontrato i club per riprendere in mano le redini del progetto.

Il Comune, come spiega una nota che è stata diffusa al termine dell’incontro, comprende l’esigenza delle squadre di calcio di dotarsi di un nuovo impianto che permetta loro di tornare a competere ai più alti livelli internazionale e intende favorire questo percorso. Va però individuata una soluzione che permetta di coniugare al meglio la sostenibilità ambientale del nuovo sviluppo urbanistico con l’investimento dei club.

Le parti si rivedranno a brevissimo per affrontare tecnicamente la questione. All’incontro hanno preso parte il Ceo di Inter Alessandro Antonello, per il Milan il presidente Paolo Scaroni. Insieme a lui ha partecipato all’incontro con il Comune anche Giorgio Furlani di Elliott, da sempre impegnato, in rappresentanza della proprietà, su tutti gli aspetti più rilevanti per la gestione del club.

TUTTA LA SERIE A TIM È SOLO SU DAZN: 7 PARTITE IN ESCLUSIVA E 3 IN CO-ESCLUSIVA A GIORNATA. 29,99 EURO/MESE. ATTIVA ORA. DISDICI QUANDO VUOI