Superlega causa Corte Giustizia

Gli avvocati che agiscono per conto di A22, la società con sede a Madrid che si trova alle spalle della Superlega europea (ESL), affermano di aspettarsi di sconfiggere la UEFA di fronte alla Corte di Giustizia europea, sfidando quella che sostengono sia la posizione monopolistica dell’ente calcistico.

Secondo quanto riportato da Off The Pitch, i legali insistono che la causa contro la UEFA promossa da A22 con il sostegno di Barcellona, ​​Real Madrid e Juventus, che dovrebbe concludersi un anno dopo la scadenza del mese prossimo per le osservazioni delle parti interessate, poggia su solide basi.

La prova di tutto ciò può essere riscontrata nel modo in cui il giudice del Tribunale commerciale di Madrid prima dell’udienza della Corte di Giustizia europea ha prodotto un’ingiunzione per fermare le misure UEFA contro i club della Superlega.

«Sembrava essere allarmato dalle minacce pubbliche fatte da Ceferin e da altri dirigenti UEFA», ha affermato l’avvocato Jean-Louis Dupont.

DuPont, dello studio legale spagnolo Roca Junyent, che insieme a Martin Hissel di Elegis e Clifford Chance Madrid, rappresenta A22, ha aggiunto: «Emettere un’ingiunzione così rapidamente normalmente significa che il giudice ritiene che il merito della causa sia buono e che la probabilità di un danno irreparabile a breve termine sia alta».

«I giudici sono normalmente piuttosto attenti con le ingiunzioni, specialmente in casi di alto profilo come questo, poiché non vogliono commettere errori». DuPont ha insistito sul fatto che l’azione riguardi l’attacco alla posizione di monopolio della UEFA.

«Le questioni sollevate alla Corte di Giustizia europea dalla Corte spagnola non riguardano la Superlega, ma piuttosto la posizione monopolistica della UEFA. È possibile per la UEFA, un’associazione svizzera privata, operare come unico regolatore per il 100% delle competizioni internazionali? È legale ai sensi del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea? È molto probabile che le risposte a tutte le domande siano sì o no, non ci sarà un “forse”», ha proseguito.

I club che hanno aderito alla Superlega europea lo hanno fatto con l’idea che la UEFA avrebbe discusso la proposta in quanto “condizionata” all’ottenimento dell’approvazione da parte della Federcalcio europea o della FIFA, afferma Martin Hissel.

«Non è mai stato un campionato separatista come descritto dai media». Hissel afferma che la reazione della UEFA è stata quella di uccidere la proposta senza dialogo, «tipico di un monopolista, pieno di minacce, senza riguardo allo stato di diritto».

Hisssel ha aggiunto che la UEFA sta cercando di dipingere la questione come «una guerra civile tra i tre club e il resto del mondo. I club sono costantemente minacciati e temono il monopolio UEFA. La realtà è che non c’è guerra civile. Molti club in Europa sono contenti del fatto che questi tre club siano la voce delle loro frustrazioni e abbiano la forza di combattere il caso fino alla sua conclusione nonostante gli atti, le minacce e gli insulti della UEFA», ha concluso.

TUTTA LA SERIE A TIM È SOLO SU DAZN: 7 PARTITE IN ESCLUSIVA E 3 IN CO-ESCLUSIVA A GIORNATA. 29,99 EURO/MESE. ATTIVA ORA. DISDICI QUANDO VUOI