Serie A costi Coronavirus
(Foto: Spada/LaPresse, via Onefootball)

I calciatori positivi al Coronavirus sono “costati” 19,9 milioni di euro ai club di Serie A nella scorsa stagione. Il dato è stato riportato da uno studio denominato “Feeling The Strain: 2021 European Football Injury Index”, e pubblicato dalla società Howden.

I costi per le società sono stati calcolati tenendo conto dei giorni di assenza dei calciatori che sono stati colpiti dal virus. Per la Serie A se ne contano 171, per un costo totale in termini di stipendi pari a quasi 20 milioni di euro.

Per fare un confronto, il costo per i calciatori della Premier League – 70 tra tutti i club del massimo campionato inglese – è stato pari a 9 milioni di sterline (oltre 10,5 milioni di euro), con un costo medio pari a 128.822 sterline per giocatore (150 mila euro circa).

Per quanto riguarda la Premier – sottolinea il Daily Mail –, tenendo conto dei giocatori che sono risultati positivi a un test nella stagione 2019/20 e di quelli colpiti nella stagione appena conclusa, i costi salgono a circa 20 milioni di sterline (oltre 23 milioni di euro).

Secondo quanto calcolato dal report, l’assenza media a seguito della positività ai vari test è stata di 13 giorni in Spagna, 14 giorni in Premier League e Serie A, 15 giorni in Francia e addirittura 17 giorni in Germania prima di rientrare.

Il costo totale dello stipendio base pagato ai giocatori dei top 5 campionati europei che non hanno potuto giocare o allenarsi poiché positivi è stato di oltre 42 milioni di sterline. I 494 test positivi hanno rappresentato un decimo di tutti i 3.988 “infortuni” registrati nei tornei e hanno rappresentato oltre il 10% del costo di 415 milioni di sterline per tutti gli infortuni e le malattie.

Tutta la Serie A TIM è solo su DAZN: 7 partite in esclusiva e 3 in co-esclusiva a giornata. 29,99 euro/mese. Attiva Ora. Disdici quando vuoi