(copyright: Spada LaPresse/via Onefootball)

Nuovo capitolo in arrivo nella vicenda dell’ingresso dei fondi in Serie A. Come riporta il Sole 24 Ore, in queste settimane sta riprendendo quota il progetto di CVC Capital Partners di diventare socio di minoranza della media company dei diritti tv del massimo campionato italiano.

Il piano, in realtà, non si è mai fermato, venendo messo da parte in attesa di tempi più maturi. Prima dell’estate, sette club avevano bocciato l’ingresso dei fondi (Juventus, Inter, Lazio, Napoli, Atalanta, Verona e Fiorentina), ma la situazione economica attuale del sistema calcio italiano potrebbe riaprire le discussioni con la cordata CVC, Advent e FSI.

A far da apripista potrebbe essere la recente operazione spagnola, con la quale CVC è riuscita a entrare nella Liga, tramite un investimento da 2,7 miliardi nei diritti tv del campionato. Secondo alcuni osservatori, tuttavia, il fondo potrebbe essere ora in conflitto di interessi: Liga e Serie A sono di fatto concorrenti ai fini della vendita all’estero delle partite dei due campionati.

Non si tratterebbe, in ogni caso, del primo investimento di CVC in Italia. La società d’investimento britannica, nata nel 1981 come braccio europeo di Citicorp Venture Fund, ha rilevato per 3 miliardi il controllo dell’azienda farmaceutica italiana Recordati, mentre un anno fa ha rilevato il controllo di Genetic, operante nel medesimo settore. Altri investimenti riguardano infine realtà operanti nell’industria automobilistica e nelle scommesse.

Tutta la Serie A TIM è solo su DAZN: 7 partite in esclusiva e 3 in co-esclusiva a giornata. 29,99 euro/mese. Attiva Ora. Disdici quando vuoi