(copyright: Claudio Grassi LaPresse/via Onefootball)

La prima stagione di DAZN come protagonista del mercato audiovisivo del calcio italiano non è certamente cominciata in maniera tranquilla. Oltre ai problemi sollevati dai disservizi, in questi giorni è emersa anche la questione legata alla verifica delgi ascolti, che sta mettendo sotto pressione sia la piattaforma streaming, sia la Serie A stessa.

Come riporta Italia Oggi, alle ore 14, in commissione trasporti della camera dei deputati, ci sarà l’audizione del presidente dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom), Giacomo Lasorella, «sulle questioni regolatorie relative alla trasmissione del campionato di calcio sulla piattaforma DAZN».

L’Autorità ha aperto l’istruttoria su quattro punti. Il primo è la marcata differenza tra gli ascolti misurati da Auditel e quelli misurati da DAZN. Il secondo riguarda la scelta, da parte della piattaforma streaming, di non usare un ente certificatore per misurare l’audience, avvalendosi invece di una misurazione interna poi verificata da Nielsen.

Il terzo punto riguarda le metriche utilizzate per conteggiare le persone che utilizzano il canale web. Infine, Agcom chiederà conto del fatto che i dati sugli ascolti di DAZN non siano pubblici, ma a disposizione degli operatori professionali solo tramite una piattaforma a pagamento. In ogni caso, DAZN ha convocato per oggi pomeriggio una conferenza stampa, dedicata proprio alla «metodologia di misurazione dell’audience».

Tutta la Serie A TIM è solo su DAZN: 7 partite in esclusiva e 3 in co-esclusiva a giornata. 29,99 euro/mese. Attiva Ora. Disdici quando vuoi