Il rapporto tra calcio e OTT è sempre più stretto. E in Italia si è lanciata nel mercato anche OneFootball, che ha acquisito i diritti per trasmettere in streaming in chiaro le partite in diretta e gli highlights di 12 diversi campionati e competizioni da tutto il mondo in Italia, tra i quali le gare della Primeira Liga portoghese e gli highlights della Serie A.

La piattaforma multimediale di calcio, fondata nel 2008 e con oltre 100 milioni di utenti al mese in tutto il mondo in 12 lingue, punta così sul calcio in streaming in chiaro nel nostro paese: obiettivi e ambizioni sono raccontate da Nikolaus von Doetinchem, dall’aprile 2021 Vice Presidente OTT Streaming & Media Rights di OneFootball dopo essere stato tra gli altri President Media di Sportfive, intervistato in esclusiva da Calcio e Finanza.

Da sito di news a piattaforma OTT, come nasce l’idea di questo passaggio verso la trasmissione delle partite?

«L’obiettivo di OneFootball è ed è sempre stato quello di fornire agli appassionati la migliore e più completa offerta di contenuti calcistici. Vogliamo che i tifosi possano accedere a tutto ciò che cercano in relazione alla loro squadra del cuore, dentro e fuori dal campo, in un unico posto. Nel corso degli anni il nostro prodotto si è costantemente evoluto per riflettere tutto ciò. La nostra offerta spazia da notizie, risultati in tempo reale a formazioni, statistiche, video e così via».

«L’unico pezzo del puzzle che mancava era il calcio in diretta. Quello che è iniziato poco più di due anni fa, ora è diventato per noi un pilastro aziendale strategico. Il contenuto live è il re e, insieme alle clip in evidenza, è un elemento chiave nel nostro mix di offerte di contenuti. La nostra offerta di streaming OTT è diventata un fattore importante per l’acquisizione e la fidelizzazione degli utenti. Gli utenti di OneFootball in tutto il mondo apprezzano molto la possibilità di accedere ai filmati delle partite in modo così comodo e flessibile, letteralmente a portata di mano, senza abbonamento né impegno».

Nick von Doetinchem

“La casa dello streaming del calcio in chiaro in Italia”: che obiettivi vi siete prefissati?

«Il nostro obiettivo è affermarci come la destinazione del calcio live in chiaro in Italia. I tifosi di calcio italiani sono estremamente appassionati. Ciò si riflette anche nei dati legati al comportamento degli utenti nella nostra app: gli utenti italiani sono molto coinvolti e consumano i nostri contenuti 24 ore su 24. Vivono e respirano il calcio. L’aggiunta dell’elemento del calcio in diretta in Italia ha due effetti positivi: da un lato, attiviamo la nostra base di clienti esistente e offriamo loro l’esperienza di contenuti calcistici più completa sul mercato».

«D’altra parte, stiamo rendendo OneFootball sempre più attraente per i potenziali nuovi utenti. Per fare un esempio positivo del recente passato: per la finale di Copa America di quest’anno tra Brasile e Argentina, che i nostri utenti in Germania hanno potuto vedere in diretta e gratuitamente su OneFootball, abbiamo registrato oltre 20.000 download dell’app OneFootball due ore prima del calcio d’inizio. Quindi, la nostra offerta di streaming in chiaro aiuterà sicuramente a far crescere ulteriormente la nostra base di utenti in Italia, che in cambio andrà a beneficio dei nostri partner commerciali».

In Italia in questi giorni si parla molto dei problemi dell’infrastruttura internet e delle difficoltà di Dazn: c’è un po’ di preoccupazione?

«No, non abbiamo preoccupazioni al riguardo. Crediamo fortemente nella forza della nostra struttura tecnica e di quella dei nostri partner. Operiamo in vari mercati con diverse infrastrutture internet e, da quando abbiamo iniziato a offrire partite in diretta in Italia, non abbiamo mai riscontrato grossi problemi al riguardo».

Resta una svolta, quantomeno in Italia, con il passaggio allo streaming per tutta la Serie A in esclusiva: come giudica questa rivoluzione?

«Non la definirei una rivoluzione, ma piuttosto un’evoluzione. Oggi più che mai è estremamente importante avere una profonda conoscenza dell’ambiente di mercato. Il mercato si sta evolvendo rapidamente. In qualità di titolare dei diritti, devi anticipare i nuovi sviluppi e adattarti di conseguenza per guidare la tua attività nella giusta direzione. La tendenza va verso lo streaming, perché è lì che si trovano i clienti. Vediamo crescere una generazione di appassionati, i cosiddetti “nativi digitali”, caratterizzati da nuovi comportamenti di consumo. Una generazione “mobile-first” che vive online. Il mercato si sta adeguando».

«In OneFootball, ci siamo adattati un po’ di tempo fa quando abbiamo visto arrivare questa evoluzione. Quindi, abbiamo un’ottima comprensione di ciò che interessa a questa nuova generazione di appassionati di calcio. Si tratta di offrire loro ciò che vogliono, quando vogliono, in modo flessibile e conveniente. E siamo complessivamente ben posizionati in quanto non siamo monocausali. Non siamo un puro fornitore di live streaming che dipende dai diritti live, l’OTT è solo uno dei pilastri della nostra offerta completa di contenuti. Significa che ogni volta che non otteniamo un diritto per cui facciamo un’offerta o perdiamo un certo diritto dal nostro portafoglio, la nostra base di utenti è ancora qui».

«Nella maggior parte dei casi, le emittenti tradizionali acquistano un diritto per fidelizzare i clienti e, naturalmente, per acquisirne di nuovi. Ma possiamo vedere un cambiamento di paradigma: ci sono nuovi giocatori che entrano nel mercato che non hanno questa completa dipendenza dai diritti sportivi. Amazon è un buon esempio: l’acquisizione di diritti live è piuttosto un investimento di marketing per acquisire più clienti per Amazon Prime».

Rispetto agli altri OTT dedicati allo sport in Italia, da Dazn alla stessa Amazon che ha appena citato, il modello è il calcio in chiaro e gratuito: da dove nasce la scelta di questo modello?

«OneFootball è una piattaforma globale e ogni mercato presenta condizioni di mercato diverse. Non esiste un approccio univoco. Raggruppiamo i diritti in diversi livelli e osserviamo la segmentazione per ciascun mercato. Ad esempio, i diritti della Bundesliga in Germania, i diritti della Premier League in Inghilterra o i diritti della Serie A in Italia sono quelli che consideriamo diritti premium: non è il nostro campo di gioco. Stiamo esaminando i punti vuoti dei campionati e delle competizioni e, in combinazione con la nostra vasta base di utenti e i dati specifici dei clienti, identifichiamo i mercati e il modello di business che hanno senso per entrambe le parti: i titolari dei diritti e noi. A volte entriamo in partnership di distribuzione, a volte acquisiamo esclusivamente diritti».

«Nel corso degli anni, OneFootball ha costruito una base utenti di oltre 100 milioni di utenti attivi mensili. Sappiamo esattamente quanti utenti possiamo potenzialmente raggiungere con la nostra offerta di live streaming in ogni singolo mercato. Inoltre, i nostri utenti hanno indicato i loro club e le loro competizioni preferite, il che ci consente di indirizzarli con un’offerta personalizzata in base alle loro preferenze. È un’informazione estremamente preziosa. Questo è il nostro punto di forza unico quando entriamo nelle conversazioni con le emittenti, indipendentemente dal modello di business scelto».

«Ad esempio, in Germania disponiamo di un modello pay-per-view di successo per una partnership di distribuzione con Sky. Abbiamo appena prolungato la partnership per la terza stagione consecutiva. Non abbiamo acquisito alcun diritto di sublicenza da Sky. Invece, agiamo come una piattaforma di distribuzione. Significa che i nostri utenti possono acquistare singole partite della 2. Bundesliga e della DFB-Pokal in pay-per-view a 3,99 euro a partita su OneFootball. Se sei interessato solo alla partita della tua squadra del cuore, puoi guardarla a un prezzo conveniente senza dover sottoscrivere un abbonamento a lungo termine. È un’offerta estremamente flessibile e ben accolta dalle giovani generazioni. E questo è qualcosa che accomuna tutte le partnership: offriamo ai nostri partner un ambiente che consente loro di rivolgersi a un target giovane, altrimenti difficile da raggiungere».

Partirete con la trasmissione dell’Old Firm, il derby tra Celtic e Rangers, con la trasmissione delle gare in Italia: quali saranno i prossimi passi?

«L’Old Firm è senza dubbio un momento clou di questo fine settimana. È una partita che raggiunge gli appassionati di calcio di tutto il mondo, ben oltre i confini della Scozia e siamo estremamente entusiasti di portare questa partita esclusivamente ai tifosi in Italia. Ma come parte del nostro portfolio, ci saranno molte partite importanti da scoprire. La Primeira Liga portoghese, ad esempio, con club come Benfica, Sporting o Porto promette partite emozionanti. La bellezza della nostra offerta di live streaming in Italia è che gli utenti possono accedere ai contenuti live in ogni momento durante il fine settimana. E per fornire una buona esperienza utente, implementiamo anche aggiornamenti dedicati: stiamo modificando l’app in modo tale che sia possibile un accesso diretto al servizio di streaming. Nella nostra attività, una buona esperienza utente è la chiave del successo. Tutto ciò che facciamo in OneFootball è pensato per l’utente».

 

C’è qualche evento in particolare che vi piacerebbe trasmettere in futuro?

«Potremmo aggiungere altri campionati o competizioni alla nostra offerta in Italia molto presto. Le discussioni con i titolari dei diritti sono in corso. Detto questo, teniamo sempre d’occhio la situazione dei diritti nei nostri otto mercati principali, che sono Germania, Brasile, Italia, Regno Unito, Spagna, Francia, Stati Uniti e Messico. Questi sono mercati in cui abbiamo una base di utenti molto forte e in cui esploriamo le opportunità di streaming, che si tratti di filmati dal vivo o di clip in evidenza. Analizziamo ogni mercato per vedere in quale forma possiamo rendere disponibili i contenuti agli utenti».

Più di recente, OneFootball ha stretto numerose partnership di contenuto con i migliori club europei. Inoltre, contate alcune delle squadre di calcio più prestigiose, tra cui Juventus, in qualità di vostri azionisti. Ci sono piani per espandere l’offerta di live streaming anche in collaborazione con i club, ad esempio per le partite precampionato o amichevoli?

«Sì, è sicuramente qualcosa che stiamo valutando. C’è già un interesse in entrata da parte dei partner di club, in quanto offre una grande opportunità di indirizzare specificamente la loro base di fan su OneFootball. Inoltre, offre opportunità di monetizzazione».

Come può un club monetizzare con OneFootball?

«Le opzioni di monetizzazione sono diverse e vengono discusse e implementate individualmente con ciascun club sulla base dei dati disponibili. Per fare un esempio: ogni club può ampliare la propria offerta di sponsorizzazioni digitali tramite OneFootball. Ad esempio, gli sponsor dei club possono inserire le attivazioni dei media esclusivamente e contestualmente nell’ambiente del club su OneFootball e quindi aumentare la loro portata digitale per un gruppo target specifico».

«Oltre a ciò, gestiamo anche un riproduttore video, che distribuisce i contenuti dei partner tramite una rete globale di editori. Gli editori possono utilizzare il giocatore per arricchire contestualmente i propri contenuti editoriali con interessanti contenuti video dei nostri partner di club, lega e federazione. Ad esempio, in Italia collaboriamo con quotidiani come Tuttosport, Corriere dello Sport e La Repubblica. Poiché controlliamo completamente il contenuto di questo player, possiamo creare un’estensione per un pubblico ancora più ampio oltre l’app per i nostri partner di contenuti e allo stesso tempo mostrare i contenuti dell’app OneFootball».

TUTTA LA SERIE A TIM È SOLO SU DAZN: 7 PARTITE IN ESCLUSIVA E 3 IN CO-ESCLUSIVA A GIORNATA. 29,99 EURO/MESE. ATTIVA ORA. DISDICI QUANDO VUOI