Giornata chiave per il trust della Salernitana

Giornata decisiva per l’iscrizione della Salernitana al campionato di Serie A. Lo scrive La Gazzetta dello Sport, in attesa del parere della Covisoc sull’indipendenza economica del trust che dovrà accompagnare…

Lotito Senato

Giornata decisiva per l’iscrizione della Salernitana al campionato di Serie A. Lo scrive La Gazzetta dello Sport, in attesa del parere della Covisoc sull’indipendenza economica del trust che dovrà accompagnare il club verso la cessione rescindendo i legami con l’asse Lotito-Mezzaroma.

La Covisoc non si è ancora pronunciata, ma stando al quotidiano filtra ottimismo poiché – nonostante le difficoltà – sono stati registrati diversi progressi ed è stato accertato dai legali della FIGC che la Salernitana ha rispettato quasi tutte le indicazioni formulate.

Toccherà al Consiglio federale decidere, ma tutte le strade portano all’interrogativo sull’indipendenza economica del trust, su cui la Covisoc sta ancora indagando. Il club ha depositato un piano che fissa un budget di spesa basso. A garanzia dell’indipendenza e della possibilità di andare avanti con risorse proprie verso la cessione, il piano ha indicato una garanzia di 20 milioni tra Lega, diritti tv e camera di compensazione, in pratica crediti certi a vantaggio della società, escludendo qualsiasi forma di accordo di sponsorizzazione, probabile non certo e quindi a rischio.

[cfDaznAlmanaccoCalcioPlayer]

Inoltre, sono stati presi accordi con una banca che garantirebbero un ulteriore introito economico: cessione dei diritti tv futuri per avere soldi subito. Soldi che però a oggi non sarebbero ancora nelle casse della società. Questo contratto di sconto potrebbe anche rivelarsi però una circostanza non decisiva se venisse verificato che il club ha comunque soldi a sufficienza per coprire il budget dichiarato.

Se così fosse non ci dovrebbero essere problemi con l’iscrizione. Per il resto, il ruolo del generale della Guardia di Finanza Ugo Marchetti, nominato dalla vecchia proprietà amministratore unico, è soggetto a diverse limitazioni. Marchetti non avrà la rappresentanza della Salernitana in Lega, affidata invece a uno dei due trustee.

Trustee – spiega la Gazzetta – che potranno verificare l’operato dell’amministratore con una sorta di “controllore” suggerito dalla Federcalcio. Quanto alle altre modifiche, i trustee restano due ma uno avrà un ruolo prevalente per scongiurare una situazione di immobilismo in caso di divergenze.

Il “guardiano” è uno, Vincenzo Coppola, visto che Giuseppe Matteo Masoni si è dimesso. Altro punto chiave è la presenza nero su bianco del termine del 31 dicembre per la cessione del club, con la specifica scritta che in caso contrario la Salernitana sarebbe esclusa dal campionato.

[cfDaznWidgetSerieA]

È anche diventato molto più netto il divieto di rapporti tra il club e la Lazio: se prima si sperava quantomeno di salvaguardare i prestiti in corso, adesso tutto è stato sospeso e gli undici biancocelesti che hanno giocato a Salerno rientreranno a Formello. Resta solo da attendere decisione finale del Consiglio federale.