Mediapro Ligue 1
(Foto: Imago Images, via Onefootball)

Mediapro dice addio alla Ligue 1 e salda i propri debiti con il massimo campionato francese. La società sino-spagnola ha versato una rata finale da 15,5 milioni di euro, corrispondente al debito con la LFP, derivante dall’accordo firmato a dicembre per rescindere il contratto per i diritti tv.

Come ricorda L’Equipe, la società guidata da Jaume Roures aveva acquisito l’80% dei diritti tv del calcio francese per le stagioni 2021-2024 per 814 milioni di euro all’anno. Tuttavia, Mediapro non era riuscita a onorare i pagamenti nei termini pattuiti, chiedendo una riduzione del 25% del valore del contratto.

Di fronte al mancato pagamento da parte di Mediapro, Arnaud Rouger, amministratore delegato della LFP, ha convocato in ottobre la società per saldare il proprio debito attivando la clausola di garanzia inclusa nel contratto e che avrebbe consentito alla LFP il recupero dei propri crediti.

La questione è finita poi nelle mani dei tribunali e si è conclusa con la risoluzione dell’accordo lo scorso dicembre con un pagamento da parte di Mediapro di 100 milioni di euro. La casa di produzione ha saldato così il debito in più rate, l’ultima delle quali da 15,5 milioni.

La situazione diritti tv in Francia resta nel caos per il momento. La LFP aveva scelto Amazon per trasmettere otto partite di Ligue 1 a turno in cambio di 250 milioni di euro a stagione, oltre a otto partite di Ligue 2 a giornata per 9 milioni all’anno, mentre Canal + avrebbe trasmesso 2 partite di Ligue 1 a turno, per 332 milioni di euro all’anno.

Ma Canal + e il suo presidente Maxime Saada hanno fatto saltare il banco. Dopo aver appreso venerdì pomeriggio che la LFP ha trasferito quasi all’unanimità i diritti di otto partite a giornata di Ligue 1 ad Amazon, il gruppo ha rilasciato una nota per annunciare che si sarebbe ritirato dalle trasmissioni del massimo campionato francese.

GUARDA EURO 2020 IN STREAMING SU NOW. CLICCA QUI E SCOPRI L’OFFERTA GIUSTA PER TE