Icardi multa Psg
(Foto: Anthony BIBARD/FEP/Panoramic, via Onefootball)

La FIFA ha preso una decisione per quanto riguarda il caso di sospetta violazione violazione della regola sulla Third Party Influence (TPI, articolo 18 bis del Regolamento sullo Status e i Trasferimenti dei Calciatori, RSTP nell’acronimo inglese) in relazione al trasferimento di Mauro Icardi dall’Inter al Paris Saint Germain, avvenuto nei primi giorni di settembre del 2019.

Sotto la lente d’ingrandimento dell’organo di governo del calcio mondiale erano finite le discusse clausole che – secondo indiscrezioni di stampa – avrebbero impedito al club francese di cedere l’attaccante argentino a altri club italiani, se non attraverso il versamento di ulteriori 15 milioni (in aggiunta alla cifra già pattuita per la cessione) all’Inter.

Una condizione vietata dall’articolo 18bis del RTSP, come ribadito dalle recenti decisioni della Commissione Disciplinare FIFA e come evidenziato anche dal caso che coinvolse la Juventus e il trasferimento del difensore Mehdi Benatia all’Al Duhail.

Il medesimo meccanismo ha portato la Commissione Disciplinare FIFA a sanzionare anche il Paris Saint Germain. La ratio è contenuta nel documento ufficiale della decisione presa lo scorso 14 gennaio, con motivazioni pubblicate il 9 marzo scorso.

Nel documento viene ricostruito il trasferimento di Icardi al PSG – prima in prestito e poi a titolo definitivo – con riferimento a una clausola specifica: «Oltre alla commissione per il trasferimento di cui alla clausola 6, l’Inter avrà diritto a un ulteriore importo condizionato al verificarsi dell’evento successivo esclusivamente nel periodo dal 1° luglio 2020 all’’ultimo giorno della finestra del mercato italiano estivo della stagione sportiva 2020/2021».

«Nel caso in cui – si legge –, durante tale periodo, il Paris Saint-Germain ceda il giocatore esclusivamente ad un club italiano (sia su base temporanea o permanente e indipendentemente dal valore economico del trasferimento), il Paris Saint-Germain pagherà all’Inter […] un importo aggiuntivo pari a € 15.000.000,00 (quindici milioni di euro) […]. A scanso di equivoci, l’importo di cui sopra non è esigibile in conseguenza di:

  1. eventuale trasferimento del calciatore dopo il periodo di cui sopra;
  2. un trasferimento del calciatore ad una terza società non italiana all’interno del periodo di cui sopra».

Una clausola di questo tipo comporta una delle condizioni di “influence” sulle politiche di trasferimento di un club. Inoltre, il PSG ha violato anche la regola che impone di segnalare gli accordi di TPI nel momento in cui viene sottoposto il contratto al TMS. Per questo motivo la società francese è stata sanzionata con una multa da 10mila franchi svizzeri (al cambio, 9.120 euro).

SCOPRI LE NUOVE OFFERTE DI SKY PER LA STAGIONE 2021/2022. CLICCA QUI E COMPILA IL FORM SUL SITO DI SKY PER AVERE TUTTE LE INFO SU CALCIO, SPORT E INTRATTENIMENTO