San Siro Inter garanzie

«La serietà, la responsabilità e aggiungerei anche lo sguardo attento della corte dei conti, ci impongono di procedere solo successivamente a un chiarimento dell’Inter su questa difficile situazione finanziaria. Noi non ci siamo mai sottratti al confronto. In questo momento, però, è necessario che il segnale arrivi da loro». 

Lo ha detto durante la seduta del Consiglio comunale di Milano Filippo Barberis, Capogruppo del Partito Democratico, in merito alla vicenda del nuovo stadio di San Siro. «Le preoccupazioni che stiamo esprimendo ormai da mesi non riguardano il merito del progetto, ma le garanzie che sono in grado di fornire i soggetti coinvolti per la realizzazione», ha aggiunto Barberis. 

«L’Inter si trova in una situazione di difficoltà finanziaria con un debito superiore a 500 milioni di euro, cui vanno aggiunti altri 270 milioni ottenuti a prestito da Oaktree (fondo che specializzato in titoli in difficoltà) con tassi di interesse superiori al 12 per cento», ha proseguito ancora.  

«Il tutto – ha sottolineato –, mentre il club si impegnerebbe a garantire un investimento da 600 milioni di euro per il progetto dell’area Stadio. Un’area di nostra proprietà su cui saremmo chiamati a concedere un diritto di superficie per 90 anni».  

«Per due anni abbiamo lavorato per trovare un punto di equilibrio sul merito del progetto di riqualificazione dello Stadio di San Siro, tenendo sempre conto dell’interesse delle squadre e dell’interesse pubblico che siamo chiamati a rappresentare. Abbiamo fatto importanti passi avanti e non abbiamo pregiudizi a proseguire su questo percorso», ha concluso Barberis. 

 

SCOPRI LE NUOVE OFFERTE DI SKY PER LA STAGIONE 2021/2022. CLICCA QUI E COMPILA IL FORM SUL SITO DI SKY PER AVERE TUTTE LE INFO SU CALCIO, SPORT E INTRATTENIMENTO