Giocatori del Tottenham esultano dopo un gol (copyright: David Klein/via Onefootball)

Situazione finanziaria delicata per il calcio mondiale, e quello inglese ovviamente non fa eccezione. Come riporta il Daily Mail, il Tottenham posticiperà di un anno il rimborso del debito da 175 milioni di sterline (poco più di 200 milioni di euro) dopo il prestito garantito dalla Banca d’Inghilterra.

Il Tottenham aveva chiesto aiuto al Covid Corporate Financing Facility, fondo governativo al quale si erano appoggiati diversi club, tra cui i cugini dell’Arsenal. Tuttavia, a differenza degli Spurs, i Gunners onoreranno il debito, nonostante perdite fino a 47,8 milioni di sterline (circa 55 milioni di euro) nel mese di marzo, e nonostante l’uscita in semifinale di Europa League contro il Villareal, che costerà al club la partecipazione alla prossima Champions League e i relativi ritorni economici.

Il debito del Tottenham, invece, avrebbe dovuto essere ripagato a marzo con un tasso di interesse dello 0,5%, ma il club ha optato per posticipare il risarcimento di almeno un anno. Gli Spurs si attendono perdite fino a 230 milioni di euro a causa della pandemia.

GUARDA IL GRANDE SPORT DI SKY IN STREAMING SU NOW. CLICCA QUI E SCOPRI L’OFFERTA GIUSTA PER TE