Serie A nuovi stadi
Il nuovo stadio del Cagliari

«Siamo nella stessa condizione in cui è il Paese di fronte al Pnrr, cioè delle grandi opportunità che dobbiamo saper cogliere, avendo questa crisi messo obbligatoriamente di fronte alle nostre difficoltà strutturali e dovendo trovare delle condizioni per poter rilanciare e creare i presupposti di un nuovo sviluppo».

Così il presidente dell’Istituto per il Credito Sportivo, Andrea Abodi, è intervenuto al web talk “L’industria del calcio nel post Covid”, organizzato da Formiche.net, con la piattaforma Standard Football. Uno sviluppo che per Abodi può nascere «tendendo conto che quello che ritroveremo non sarà la normalità che abbiamo abbandonato, ma una normalità di certo di altro segno. Che questa esperienza ci sia da esempio per non ripetere gli errori del passato».

Abodi ha illustrato durante l’incontro la situazione degli impianti da gioco nei top 5 campionati europei, con Premier League, Bundesliga e Liga spagnola nettamente davanti a tutti per stadi di proprietà e la Serie A che arranca come la Ligue 1.

«Stiamo lavorando con sei club di Serie A per nuovi stadi, progetti che nascono con il presupposto di aver elaborato un modello che è stato messo a patrimonio del sistema, e la banca ragiona appunto come sistema», ha spiegato ancora Abodi durante il suo intervento.

«Se Bologna e Cagliari sono in fase molto avanzata, se Genova sta riprendendo con vigore il progetto di riqualificazione di “Marassi”, se Verona fra qualche giorno avrà un’accelerazione significativa sul nuovo stadio, se Parma, se La Spezia, se Empoli – tutte realtà che seguiamo e con le quali collaboriamo – adottano questo modello non è solo un tema di 2-3 miliardi di risorse che si mobilitano, ma è un sistema che cresce nel suo complesso, ed è emulativo anche per le società di Serie B anche per la società di Serie C, con le quali stiamo lavorando», ha aggiunto Abodi.

Credito Sportivo beni sequestrati mafia
Andrea Abodi (Foto Insidefoto)

«Un giorno in uno stadio inefficiente, inospitale, inaccessibile, improduttivo, costa molto di più del pro-rata della quota di finanziamento che viene concessa e che deve essere restituita di debito», ha concluso.

«Non si capisce perché non si debba investire in un’infrastruttura che rappresenta la prospettiva della sopravvivenza. Il patrimonio sportivo immobiliare rappresenta per un club, tanto più se in Serie A, la possibilità di crescere e competere», è invece il commento di Mauro Balata, presidente della Lega Serie B.

GUARDA IL GRANDE SPORT DI SKY IN STREAMING SU NOW. CLICCA QUI E SCOPRI L’OFFERTA GIUSTA PER TE